Categorie

 

Team di sviluppo:
  • Produttore esecutivo: Hironobu Sakaguchi
  • Regia: Yoshinori Kitase, Hiroyuki Ito
  • Sviluppo: Hiromichi Tanaka, Koichi Ishii
  • Direttore grafico: Tetsuya Takahashi
  • Sfondi: Hideo Minaba
  • Design dei personaggi: Yoshitaka Amano
  • Co-designer: Tetsuya Nomura
  • Musiche: Nobuo Uematsu

 

Date di uscita:
JAPUSAEUR
 SNES02-04-199411-10-1994
 PlayStation11-03-199930-09-199901-03-2002
 Game Boy Advance30-11-200605-02-200726-06-2007
 Wii Virtual Console15-03-201118-03-201130-06-2011
 PlayStation Network20-04-201106-12-201102-06-2011
 Android15-01-201415-01-201415-01-2014
 iOS06-02-201406-02-201406-02-2014
 PC/Steam16-12-201516-12-201516-12-2015

 

Sono trascorsi parecchi secoli dalla Guerra dei Magi. Le civiltà sono state ricostruite con ferro, macchine e tecnologie. Ma le forze della magia stanno per tornare e, dopo il ritrovamento di un antico Esper, la minaccia della guerra torna a farsi sentire…

 

 

Dovettero passare diciotto mesi prima della terza ed ultima apparizione del nuovo Final Fantasy su SNES. Nel 1994 le scene di panico dei giocatori al momento della pubblicazione di Final Fantasy VI furono pari a quelle che accompagnarono l’uscita di FFVII tre anni dopo. Il gioco rimane tutt’oggi il preferito di molti appassionati della serie.
Il gioco ha inizio nei panni di due soldati imperiali e di una ragazza misteriosa dotata di un potere chiamato “magia”. Questi hanno il compito di trovare un Esper congelato all’interno delle miniere di Narshe. Una volta trovato l’Esper, la ragazza, come in trance, entra in contatto con la creatura per poi svenire e perdere la memoria, mentre i due soldati rimangono abbagliati e perdono la vita. Dopo essersi risvegliata nella casa di un uomo e aver scoperto di essere stata sotto il controllo dell’Impero, la ragazza, vittima di un’amnesia, fa la conoscenza di Locke, un membro della resistenza al quale si presenta con il nome di Terra (unica cosa che ricorda del proprio passato). Da qui ha inizio l’avventura che li porterà ad unirsi ad altre persone con l’intento di ostacolare i piani dell’Impero e in particolare del comandante Kefka, assetato di potere e intenzionato a distruggere ogni cosa.
Final Fantasy VI prese posto in una cartuccia da 24Mb. La Square spinse al limite della macchina sia la grafica che il sonoro. Provvisto della trama più coinvolgente e tortuosa di tutta la serie, Final Fantasy VI fu il primo episodio ad introdurre una miscela di magia e tecnologia che ebbe successo e venne dunque in seguito riproposta in FFVII e in FFVIII.
Dotato di una storia di dimensioni epiche, il gioco può durare più di settanta ore. Il sistema di combattimento è molto simile a quello dei precedenti capitoli, con un party che può essere formato da un massimo di quattro personaggi dotati di abilità innate. Alcune abilità possono essere apprese da oggetti e mostri con l’avanzare del gioco, mentre le magie si possono imparare attraverso l’equipaggiamento di Magicite, ovvero pietre magiche che permettono inoltre di invocare gli Esper.
Final Fantasy VI fu pubblicato in USA col nome di Final Fantasy III. Il gioco arrivò per la prima volta in Europa nel 2000, grazie al porting per PlayStation, che gode di alcuni filmati in computer-grafica e di un’opzione “Bonus” che permette di visualizzare immagini, artwork e una scheda descrittiva di tutti i mostri presenti nel gioco.