Sembra proprio che il reboot di Final Fantasy XI non vedrà mai la luce. Secondo quanto riportato dall’emittente sudcoreana MTN, Nexus ha cancellato lo sviluppo del gioco, del quale erano stati mostrati i primi screenshot nel 2018 dopo l’annuncio nel lontano 2015. Il progetto era sviluppato in collaborazione dallo studio coreano con Square Enix.

La decisione di cancellare lo sviluppo del nuovo FFXI per dispositivi mobile è stata spiegata da Nexus con la volontà di focalizzarsi su progetti maggiormente promettenti. Secondo MTN, tuttavia, anche la pandemia di COVID-19 avrebbe avuto un suo peso: sembra che il fatto che la maggior parte dei dipendenti Square Enix lavori da casa da alcuni mesi avesse reso più complicata la collaborazione tra la società giapponese e Nexus. Il direttore del team di sviluppo Sim Gi Hoon è stato riassegnato a “Tales Weaver M”, mentre il team stesso si dedicherà a vari progetti, tra cui tale “Project NGR”.

Il reboot di FFXI era stato presentato come un MMMRPG (Massive Mobile Multiplayer Role Playing Game) sviluppato con Unreal Engine 4. Il titolo avrebbe dovuto includere fin dal lancio tutte le espansioni del gioco originale fino a “Chains of Promathia”. Lo scorso maggio erano trapelate in rete quelle che con tutta probabilità erano immagini di sviluppo del titolo.