Categorie

Final Fantasy IV / Soluzione

Parte Prima

Note iniziali

In teoria questa è una guida scritta per essere seguita “in tempo reale”, per cui potrebbero saltar fuori piccoli spoiler: se è la prima volta che giocate, fate attenzione. Niente di serio, non credo nessuno si arrabbierà se riassumo la sequenza di apertura. Tenete presente però che in questo gioco il party cambia di frequente e spesso vi suggerirò di rimuovere l’equipaggiamento ad uno o più personaggi, in previsione di temporanee o permanenti dipartite. In situazioni simili, scriverò SPOILER grosso così: se ci tenete a non anticiparvi la trama, giocate fino a quel punto, perlomeno salvate e poi leggete, così da non perdervi nulla.
Se parlo di direzioni, userò spesso i termini nord, sud, est, ovest. Il gioco è in 2D, quindi trattate questi termini come su, giù, destra e sinistra. La soluzione si basa sulla versione Advance/PSP del gioco, e copre le edizioni precedenti ma NON quella per Nintendo DS.

(Soluzione e immagini: Edo; tester: InutileSazh)

Prologo – “I find your lack of faith disturbing.”

Godetevi la lunga scena d’apertura. Siete nei panni di Cecil, un dark knight, capitano delle Red Wings, che sono un po’ la RAF del regno di Baron. Avete appena attaccato la pacifica città di Mysidia e derubato i suoi abitanti del loro prezioso Cristallo. Di ritorno a Baron, verrete attaccati da alcuni mostri (Floating Eyeballs, Zu), ma non preoccupatevi: le due battaglie sono programmate e non dovrete muovere un dito. Giunti al castello, raggiungete la sala del trono: consegnate il Cristallo e, dopo un momento d’esitazione, Cecil proverà ad interrogare il re sui motivi dietro l’attacco all’indifeso villaggio. Brutta idea.
Davvero, il re non apprezza affatto la vostra mancanza di rispetto, e sbam, licenziati dal posto di capitano delle Red Wings. Se volete in qualche modo riappacificarvi, dovrete partire immediatamente per un’altra missione. Entra in scena Kain, chiede al re di ripensarci, ma il re ne ha anche per lui. Beh, almeno siete in due a dover affrontare la missione, che consiste nel consegnare un Bomb Ring al villaggio di Mist, con colui che, apprenderete, è il vostro migliore amico dall’infanzia. Almeno non dovrete eliminare altri innocenti: che male potrà mai fare un Bomb Ring?
In ogni caso, andate a sud all’1F, noterete due scalinate: ignoratele, ci sono solo una manciata di NPC che danno consigli vari sulle basi del gioco. Ma avete me per questo, no? Sulla destra vedrete tre forzieri che non avete modo di raggiungere. A meno che non notiate il pulsante nella parete, premetelo e vi si aprirà un passaggio per 480 gil, un Ether e una Tent. I gil sono la moneta del gioco; Ether vi farà recuperare MP, utile per quando avrete maghi a disposizione (spoilerone, avrete maghi a disposizione eventualmente); Tent ripristina HP e MP del party, ed è utilizzabile solo da un save point o nella World Map.
Niente di interessante a est, una stanza con dei tesori che non potrete raggiungere (questa volta per davvero), e fuori solo alcuni meccanici che si lamentano del loro capo. Bah, non vengono licenziati dopo aver fatto il loro lavoro, loro. Dall’1F, andate a ovest, su per le scale, e mentre cercate di uscire vi verrà incontro una ragazza di nome Rosa. Sembra preoccupata per Cecil, verrà a “farci una visita” stasera. Non tutto va così male, in fondo…
Uscite, nell’angolo sud-est del cortile c’è un passaggio segreto che porta al fossato. Non andateci che vi inzuppate tutti e poi vi prende un malanno. Ad Est ci sono le prigioni, con alcuni cittadini di Mysidia che farneticano su cristalli, equilibrio del mondo e baggianate simili… Non ci casca nessuno. Uscite di qui e dirigetevi invece a nord, verrete interrotti nuovamente, questa volta da un ometto barbuto di nome Cid. Anche lui, apparentemente, è preoccupato per voi, e per gli strani modi del re. Non entrate dalla porta da cui Cid è uscito, è un vicolo cieco. Finalmente potrete entrare nella torre… anzi no, verrete ostacolati di nuovo. Prima di tirarle una scarpa, sappiate che è solo una serva, così gentile da informarvi che ha cambiato le lenzuola. Tempo per una buona dormita prima di partire all’avventura… Non tanto. Vi assalirà il rimorso per aver mietuto vittime innocenti e per non avere il fegato di disobbedire agli ordini sempre più crudeli del re, dopodiché, come promesso, verrà a trovarvi Rosa. Scoprirete che i due sono innamorati; bel peso che ci siamo tolti già nella prima ora di gioco. Quantomeno non diventerà l’elemento centrale di tre quarti della trama, se capite cosa intendo. Dopo un’altra dose di rimorsi, preoccupazioni ed incertezze, vi addormenterete.

Capitolo 1 – Si comincia!

Una volta svegli, tornate al castello e parlate con Kain. La vera avventura inizia adesso! Andate a sud ed uscite dal castello. Benvenuti nella World Map. Noterete subito che intorno al castello c’è un raggruppamento di case: fate un passo a destra o a sinistra e vi ritroverete nella città di Baron. Niente di interessante qui, i negozi di armi sono chiusi, ci sono un paio di case – tra cui quella di Cid – dove potete curiosare, e la “Devil Road”, apparentemente una sorta di teletrasporto tra Baron e Mysidia, ora – per ovvi motivi – non accessibile. Ciò che invece potete fare è dirigervi all’Inn: vedete quei forzieri dietro la parete a nord-est? Premendo A sulle spade incrociate potrete accedervi. Sono un Eye Drops, una Tent, e un Dwarven Bread. Eye Drops cura lo status Blind, di cui parleremo in seguito; Dwarven Bread è utilizzabile nella World Map per avere una versione dettagliata ed ingrandita di essa. Potrete localizzare tutte le aree che avete visitato nel caso vi perdiate (e credetemi, capita anche se conoscete bene il gioco), una volta che avrete a disposizione migliori mezzi per esplorare l’intera mappa. Potete anche visualizzare l’ubicazione dei mezzi in questione, se avete dimenticato dove li avete parcheggiati. Nulla che ci riguardi, per il momento.
Dirigetevi a nord, salite su per le scale, parlate con la ragazza che vi troverete davanti (non anticipo nulla). Entrate in acqua e nella cascata di mezzo, seguite il fiume, alla fine troverete una pozza con una Tent e una Hourglass. Sono facili da individuare, guardatevi intorno e se venite bloccati da qualcosa, quel qualcosa è uno di questi due oggetti. La Hourglass lancia Stop su tutti i nemici in battaglia, è un oggetto molto utile e non va sprecato così presto nel gioco. Davvero, conservate questo e altri oggetti simili, che vi torneranno comodi in seguito. Tornati all’asciutto, dirigetevi ad est della città, attraversate il ponte, andate a nord, passate dall’arco che avete di fronte e fatevi strada tra gli alberi: c’è un passaggio segreto da qualche parte a nord est che vi porterà a nord ovest della città (una volta trovato, è facile seguirlo). Qui, tra l’erba, troverete due Phoenix Down e un Gold Needle. Come prima in acqua, cercate ovunque: appena incontrate qualcosa di solido tra l’erba, quello è il vostro oggetto. Phoenix Down fa riprendere i sensi ad un alleato messo KO. Gold Needle cura lo status Stone.
Il negozio di oggetti è aperto, ma non c’è niente che vi serva a meno che non vogliate qualche pozione extra, due o tre se volete andare sul sicuro. Uscite da Baron, scommetto che vi ho annoiati a morte con tutti ‘sti passaggi segreti e menate varie.
Nella World Map potrete avere i vostri primi, amatissimi scontri casuali! Incontrerete Floating Eyeballs, Goblin ed Helldiver. Niente di speciale, sarà più facile oneshottare i volatili con Kain, in quanto solitamente sono deboli alla sua lancia. Già che ci siamo, analizziamo i comandi che avete a disposizione: Attack si spiega da solo, Item vi fa accedere alla vostra scorta di rimedi e oggetti utilizzabili in battaglia; potete cambiare armi durante la battaglia, quando più in là avrete opzioni di scelta differenti. Cecil può usare Darkness, per danneggiare tutti i nemici a spese di 1/8 dei propri HP massimi. Non è male, ma usatelo solo in presenza di parecchi nemici. Kain ha a disposizione Jump, danni doppi, a spese di circa un turno e mezzo passato in aria (sarete completamente invulnerabili in quel periodo). È molto utile, ma se riuscite a oneshottare i mostri con un semplice attacco fisico, farete prima ad usare quello.
Vedete quella piccola area deserta? A sud-ovest c’è una foresta dalla forma ottagonale. È una delle varie Chocobo Forest sparse per il mondo. Nascosta tra l’erba c’è una Ghysal Greens, che se usata in presenza di quell’incavo apparentemente vuoto a nord farà apparire un Fat Chocobo! Potrete depositare gli oggetti che non vi servono (vi accorgerete, presto e con dolore, che il vostro inventario è piuttosto limitato) e ritirare ciò che avete depositato in precedenza. Non sprecate quella Green, non avete niente da depositare. Potete acchiappare un chocobo ed evitare tutti gli scontri casuali nella World Map, e tagliare un po’ di strada (i chocobo attraversano i fiumiciattoli). Dirigetevi a nord-ovest, troverete un percorso stretto circondato da montagne ed infine la vostra meta: la Mist Cave.

Capitolo 2 – Blue Eyes White Dragon

Nella Mist Cave ci sono un paio di nemici nuovi oltre ai soliti Goblin: Insectus, Sword Rat – per entrambi è consigliabile usare Jump di Kain, per essere sicuri di eliminarli in un colpo solo, specialmente Sword Rat, che può contrattaccare con Needle se resta in vita – e Flying Eye, che può occasionalmente infliggervi lo status Blind, rendendo molto difficile mandare a segno attacchi fisici. Impediteglielo eliminandolo in un colpo solo (è debole alla lancia di Kain). Cecil continua ad oneshottare tutti senza aiuti.
Proseguite a nord, vedrete un forziere contenente una Potion (cura un centinaio di HP), proseguite verso est ed a nord-est ci sarà un’altro forziere (Eye Drops), andate a sud e deviate ad ovest per una Tent; tornate al bivio, questa volta dirigetevi ad est e recuperate un’altra Potion nel forziere a destra ed infine andate a nord verso l’uscita. Durante il cammino, verrete interrotti periodicamente da una voce misteriosa (AH AH AH ah ah… Scusate.), che infine vi intimerà di tornare indietro, pena la morte. Scegliete ignorarla o meno; “no” vi farà fare un passo indietro, nel caso vi siate scordati di curarvi. Rispondete “sì”, per dare inizio alla prima boss battle del gioco.

Boss: Mist Dragon
HP: 465
MP: 64
EXP: 700

Come in svariati altri Final Fantasy, il primo boss è metà battaglia, metà tutorial. Questo drago vi farà il solletico, ma fate attenzione: dopo una manciata di attacchi da parte vostra, si dissolverà nella nebbia. Se lo attaccate in questa circostanza, contrattaccherà con Cold Mist, che danneggerà entrambi i vostri personaggi. Evitate sia Jump che Dark. Se per caso lanciate un attacco immediatamente prima che il drago si dissolva (capita piuttosto spesso, specie se usate Jump, per questo è sconsigliato) e dopo Cold Mist vi ritrovate con pochi HP, usate una di quelle pozioni. Riprendete ad attaccarlo una volta che sarà ritornato tangibile: dopo una o due “dissoluzioni” l’avrete sconfitto. Yay!

Uscite dalla grotta.
SPOILER: Fuori fa un caldo pazzesco vero? Beh, sta per fare ancora più caldo. Fate un favore a Kain e toglietegli tutta quella ferraglia di dosso. Menu -> Equipment -> Kain, selezionate ogni oggetto e cliccate “Remove”. Fatto? Fatto.

Entrate nel villaggio di Mist, fate un paio di passi e il vostro Bomb Ring rivelerà il suo scopo… Non ve l’eravate aspettati, vero? Il villaggio è in fiamme. Notate una bambina dai capelli verdi piangere accanto al cadavere della propria madre. Apparentemente, il Mist Dragon era in qualche modo legato alla donna, ed eliminarlo ne ha causato il decesso. Gli ordini del re sono chiari adesso, eliminare questi “invocatori” del tutto. Kain ci fa notare che, per terminare il lavoro, bisogna finire anche la bambina. Cecil decide che ne ha abbastanza di andare in giro ammazzando innocenti e bambine di sei anni e Kain per fortuna è con lui. Decidete di portare la bambina in salvo e di trovare un modo per fermare Baron. La bimba non è d’accordo, dovrete portarla via di qui con la forza. Brutta idea.

Capitolo 3 – Stay away from the Summoner!

Tradizione di ogni Final Fantasy, la tenera bambina è sempre il personaggio più forte del gioco.
Incazzata nera per la morte della madre, vi invocherà Titan addosso, e non ci sarà nulla che potrete fare. E se in FF un attacco è abbastanza forte da modificare il paesaggio circostante, potete già farvi un’idea di con chi avete a che fare.
Vi risveglierete ad est della città, Kain non si trova. Siete contenti di averlo spogliato in precedenza, no? La bambina è incosciente, dovete portarla in un luogo sicuro. Dirigetevi ad est e poi a nord nel deserto, qui potrete incontrare alcuni nuovi nemici: Desert Sahagin, Hundlegs e Sand Worm. Niente di preoccupante, ma siete da soli e se non ve la sentite potete sempre fuggire (tenendo premuti L+R). In mezzo al deserto c’è un’oasi con una città, Kaipo. Precipitatevi dentro, avete una bambina di cui occuparvi.
Vi muoverete automaticamente verso l’Inn, e il proprietario sarà così gentile da farvi passare la notte gratis. Alla fine la bambina riprenderà conoscenza, cercherete di scusarvi ma vi rifilerà il trattamento silenzioso. Nulla da biasimarle… Verrete interrotti dall’irruzione di un manipolo di soldati di Baron. Consegnate la bambina e sarete perdonati dal re, dicono loro. ‘Stocazzo, direte voi. Non ci caschiamo di nuovo.

Boss: General
HP: 221
Baron Soldier x3
HP: 21 cadauno

Il General non farà nulla, a parte mandare alla carica i tre soldati. Cecil può facilmente eliminarli, ma aspettate a farli fuori tutti e tre, altrimenti il General fuggirà via negandovi EXP e guil: lasciatene uno vivo e datele di santa ragione anche al General. Ci metterete un po’ dato che ha parecchi HP, ma un Soldier da solo fa danni irrisori e dovreste farcela senza bisogno di sprecare una pozione; ne vale la pena per l’esperienza extra. Eliminate il General, ed infine l’ultimo Baron Soldier.

Notate le vostre buone intenzioni (sotto forma di quattro cadaveri sul pavimento), la bambina vi rivolgerà la parola. Vi dirà il suo nome, Rydia. È a livello 1, con una trentina di HP, e non c’è traccia di Titan tra le sue summon. Diamine! Beh, conosce la summon Chocobo (bersaglio singolo, “miss” sui nemici volanti).
È tempo di esplorare Kaipo! Parlate un po’ con tutti: otterrete informazioni utili, soprattutto dalla ragazza in costume vicino al laghetto. In secondo luogo, scoprirete che è bene tenere i vostri maghi in seconda fila così da limitare i danni fisici subiti. È più facile e intuitivo farlo da soli che sentirselo spiegato da me, ma ci proverò comunque:

Andate su Menu, Order, e posizionate Cecil in modo che stia davanti (a sinistra) e Rydia in modo che stia dietro (ritratto a destra).
Avete a disposizione due tipi di formazione: Front-Back-Front-Back-Front e Back-Front-Back-Front-Back (spoilerone, avrete più di due membri del party più in là nel gioco). Potete invertire le due formazioni cliccando su Row. Se non toccate questo comando, basterà spostare Rydia dalla posizione 1 alla posizione 2 o 4. Fatto? Fatto.
Continuando a parlare in giro, scoprirete che una certa Anna è scappata di casa in una fuga d’amore, e che suo padre Tellah è in giro a cercarla. Scoprirete anche che una giovane donna proveniente da Baron è giunta fin qui ed è svenuta, e adesso sta riposando in una casa in città. Brutta storia. L’Armor Shop non vende niente di importante, ma fidatevi di me e comprate un Leather Cap anche se Rydia ha già il suo. Ignorate il Weapon Shop, ma controllate uno dei due vasi a nord di esso, contiene un Ether. È consigliato acquistare 5-6 Maiden’s Kiss nell’Item Shop (all’interno dell’Inn, sulla destra), curano il fastidioso status Toad in cui incapperete a breve; approfittate per vendere l’equip in eccesso di Kain, non vi servirà più. Dirigetevi nella casa ad est, parlate con la donna. Ciò che sentite non è per niente rassicurante. Continuate nel corridoio e scoprirete che le vostre paure erano fondate…
Rosa! L’anziano signore nella stanza vi dirà che la vostra ragazza ha la febbre del deserto, che può essere curata soltanto con un Sand Ruby, che potrete reperire nel nido di un Antlion. Brutta, brutta storia.

Capitolo 4 – Pesci, zombie, budini
(Presto capirete)

Per arrivare al nido dell’Antlion, dovete prima attraversare la Underground Waterway. Lasciate Kaipo. Stessi nemici di prima in giro, e noterete subito che Rydia ha difficoltà a stare in vita. Fatele mettere su un po’ di livelli, sconfiggendo velocemente i nemici con Darkness o i vostri attacchi fisici e curandovi fuori dalla battaglia con Cure (Menu -> Magic -> Rydia -> White) o riposandovi nell’Inn. Potete guarire un personaggio per volta o tutto il party, se cliccate destra o sinistra. Consiglio vivamente di far salire Rydia almeno a livello 5: imparerà nell’ordine Blizzard, Cure, Sight e Thunder. L’attacco fisico della giovane maga è ridicolo, e castare magie ad ogni scontro casuale consumerà i vostri MP in men che non si dica… Cosa fare? Ad ogni suo turno, selezionate “Item”, cliccate su, dopodiché cliccate due volte su “Rod”. Causerà danni magici decenti, senza sprecare MP e senza penalità dovute alla back row. Non perderete tempo mentre selezionate i comandi necessari, se la vostra battle mode è impostata come “Wait”. Dovrebbe esserlo di default, e potete modificarla andando su Menu -> Config. Wait vuol dire che, una volta selezionato magic, summon, item ecc., il tempo si ferma momentaneamente. Con “Active” il tempo continua a scorrere e otterrete solo svantaggi (l’AI dei nemici agisce immediatamente, loro non perdono tempo), quindi lasciate tutto così com’è.
Terminata la vostra piccola sessione di grinding (prima ed ultima volta che ne avrete bisogno, se non fuggite dagli scontri casuali, e non dovreste), fate una sosta all’Inn per recuperare i vostri MP (ogni volta che Rydia sale di livello, ne guadagnerete di extra che però non verranno ricaricati), e dirigetevi a nord-est. Troverete una grotta, è l’ingresso all’Underground Waterway (South).
Una marea di nuovi nemici qui intorno: i primi che potrete incontrare saranno Killer Fish, Vile Shell e Water Bug, solitamente in folti gruppi. Tutti deboli a Thunder, ed è possibile castare magie come questa su tutto il party nemico premendo sinistra finché non verranno selezionati tutti i mostri sul terreno (con una discreta perdita in potenza), ma vi consiglio di conservare i vostri MP soltanto per i Water Bug: amano contrattaccare ricaricandosi tutti gli HP e fuggire al momento meno opportuno, e un Thunder a bersaglio singolo è l’unico modo affidabile di disporre di questi odiosi nemici in un colpo. Danno parecchia EXP, ne vale la pena.
Proseguite a nord, prendete le scale sulla destra per una Potion e un Maiden’s Kiss. Tornate indietro e dirigetevi stavolta a sinistra: nell’angolo a sud-ovest troverete una Tent.
Dirigetevi a nord nell’unica via possibile, troverete un anziano signore a sbarrarvi la strada. È Tellah, il vecchio saggio di Kaipo che alcuni abitanti avevano menzionato prima, e vi avviserà che c’è un mostro al termine del canale. Decidete di unire le forze. Yay! (Se non avete parlato con Rosa a Kaipo, starà lì fermo a sbarrarvi la strada)
Tellah è a livello 20, ha tutte le magie elementali di base più Osmose (assorbe MP da un nemico, molto utile), diverse magie bianche (Cura, Esuna, Confuse, Blink, Life, Teleport). Ignoratele, costano troppi MP, concentratevi sulla magia nera. Il saggio ha disperato bisogno di due cose: Back Row ed equipaggiamento. Schiaffategli quel Leather Hat che avevate preso a Kaipo (l’avevate preso, vero?) e proseguite ad est, finché non trovate delle scale che danno sull’acqua.
In acqua potete incontrare i Gigantoad: eliminateli in fretta con Cecil e l’aiuto di Blizzard (nota: nel gioco quasi tutti i rettili sono deboli ad Ice). Le stupide rane gialle possono usare Toad su di voi, che vi debiliterà completamente (attacco e difesa al minimo, magie inutilizzabili eccetto Toad, che ancora non avrete a disposizione); curatelo con quei Maiden’s Kiss se necessario.
Una volta in acqua, fate due passi a sinistra e attraversate il piccolo canale verso nord per trovare un forziere contenente un Iron Ring. Se vi stavate chiedendo perché non ve ne ho fatto comprare uno a Kaipo assieme al Leather Hat, ecco il motivo. Datelo a Tellah, ne avrà bisogno.
Rimanete in acqua, e dirigetevi a sud-ovest finché non vi trovate davanti una cascata. Sapete cosa dovete fare no? Passateci in mezzo, vi ritroverete in una stanza con diversi forzieri. Dry Ether, X-Potion e Phoenix Down. Dry Ether è un upgrade dell’Ether (ricarica 150 MP circa), X-Potion cura tutti gli HP di un personaggio. Oggetti fin troppo buoni a questo punto del gioco, conservateli per dopo. Tornate indietro alle scale, indietro ad ovest e nell’angolo nord-ovest potrete accedere ad una nuova area (Underground Waterway-B2). Qui potrete incontrare gli Zombie, in larghi gruppi. Gli attacchi fisici non li scalfiscono, quindi il modo più veloce di eliminarli è di difendere con Cecil e Rydia e castare due magie Fire su tutto il party nemico. Stesso discorso vale per i Red Mousse. Meno male che abbiamo Tellah dietro, dato che Rydia quella magia Fire sembra non volerla apprendere mai…
Proseguite a nord, entrate in acqua, prendete le scale a nord-ovest per un forziere contenente una Potion, tornate indietro e dirigetevi a sud per trovare un’altra scalinata. Immediatamente a sinistra vi sarà un bivio, continuate a sinistra per trovare un Ether, prendete questa volta la strada a sud e proseguite ad ovest ed infine a nord; oltre la porta troverete una piccola stanza contenente il vostro primo save point. Tellah userà una Tent in automatico, ed in seguito ad un breve dialogo potrete proseguire. Se state sopra il cerchio blu, potrete salvare tramite il menu. Consiglio di farlo, è da un po’ che siete qua dentro e non si sa mai, no? Se c’è un save point vorrà dire che l’uscita è vicina, o meglio, che una boss battle è vicina!

Capitolo 5 – Tentacle Rape

Oppure no. No, non siete nemmeno a metà. Peccato.
Proseguite a nord in un’altra parte del B2, aprite il forziere a nord-est contenente una Ice Rod. Equipaggiatela a Rydia, e date la vecchia Rod a Tellah. Usata dal menu Item in battaglia, casta una versione leggermente più debole, a bersaglio singolo, di Ice. Sembra poco, ma è abbastanza per eliminare quelle stupide rane senza sprecare MP! Prendete le scale a sud, attraversate il canale ad est e risalite a nord in una nuova area (Underground Waterway – B3).
A sud troverete un bivio, prendete la strada a destra e troverete 580 gil e un Bomb Fragment. Quest’oggetto casta fire sul party nemico, ed è davvero inutile, disfatevene alla prima occasione utile (ovvero, se incontrate un gruppo di Zombie). Tornate al bivio: stavolta andate a sinistra e proseguite verso un’altra parte del B2. È il secondo dungeon e sembra già non finire mai…
Andate a nord, c’è un forziere sulla sinistra contenente l’ennesima Potion. Non entrate nella nuova area immediatamente, ma state un passo sotto la scala ed andate a sinistra: c’è un passaggio invisibile, che vi permetterà di passare dietro la parete rocciosa e di raggiungere un’area sulla destra. A sud di questa troverete un Feathered Cap, datelo a Rydia. Tornate sui vostri passi e proseguite nella nuova area (Underground Waterway – North).
Qui potrete incontrare Toadgre, che sono come i Gigantoad soltanto che sono blu e che castano Toad più spesso. Evvai. Usate quella Ice Rod. Le formazioni nemiche saranno più numerose, quattro di quelle rane in differenti combinazioni potrebbero riuscire a castare Toad prima di venire eliminate, in più troverete due nuovi nemici: Sahagin e Tiny Mage; appariranno assieme (due dei primi e quattro dei secondi). I Sahagin sono deboli a Thunder, ma prima di usarla su tutti i nemici fareste bene ad eliminare I Tiny Mages con Cecil, se colpiti da attacchi magici contrattaccheranno con diverse magie parecchio antipatiche come Osmose e Confuse (sotto questo status userete a caso un attacco dal vostro arsenale, magia o semplice attacco fisico, CONTRO il vostro party. Potreste anche curare il party nemico, se vi va male). È di gran lunga la formazione più seccante da affrontare finora, fate attenzione.
Dirigetevi a nord, poi ad ovest per trovare due forzieri: Ether e Antarctic Wind. Il secondo funziona come il Bomb Fragment, ma è di elemento ice. Non servirà a granché fuori da quest’area, sprecatelo su uno di quei gruppi di fastidiose rane. Continuate ad est e poi a sud, troverete altri due forzieri: Hourglass e Shadow Blade, potente upgrade della Dark Sword di Cecil: equipaggiatela immediatamente. Proseguite a nord-est per trovare -FINALMENTE- l’uscita.
Aria fresca! …Date un’occhiata meglio, sono un paio di passi e poi di nuovo dentro. Su consiglio di Tellah, se avete pochi MP è meglio usare una di quelle Tent che avete trovato in giro. Ricordatevi che potete salvare, siete nella World Map dopotutto. Proseguite in un’altra (argh) area del dungeon, Waterfall.
Buttatevi di sotto, prendete le scale ad est, proseguite a sud fino ad incontrare un bivio. Scegliete le scale a sud, troverete Hades Helm e Hades Gloves, upgrade dell’equip di Cecil. Tornati al bivio stavolta andate a nord-ovest e proseguite verso l’ultima (davvero!) area.
Qui potrete incontrare Alligator, un altro rettile debole ad Ice. Sapete già cosa dovete fare.
Dirigetevi ad est, troverete Hermes Shoes e Hades Armor. Equipaggiate l’armatura, tenete gli Hermes Shoes per dopo. Chi li usa in battaglia casta Haste su sé stesso, raddoppiando la propria velocità; piuttosto utili. Proseguite a nord, fate inversione a U, inzuppatevi un’ultima volta e andate di nuovo verso nord. Per l’amor del cielo, tenete Rydia lontana da quei tentacoli.

Boss: Octomammoth
HP: 2350
MP: 240
EXP: 1200

Il primo vero boss, ma comunque facile… Vulnerabile a Thunder, ma ha parecchia difesa magica. La sua vera debolezza è la spada di Cecil: appena arriva il suo turno usate quelle Hermes Shoes per non rendere la battaglia troppo lunga. Rydia dovrebbe usare Chocobo ad ogni turno, Tellah Thunder. Perdete un turno ogni tanto per curarvi se ne avete bisogno. Man mano che danneggiate il boss, perderà sempre più tentacoli… per fortuna. I suoi attacchi diventeranno via via più forti, ma niente di cui preoccuparvi se tenete i vostri HP alti. Quando gli restano solo due tentacoli sarà prossimo alla sconfitta.

Sconfitto il polpo gigante -brrrr- uscite attraverso la cascata. ERA ORA! Una volta nella World Map, dirigetevi a nord verso il castello di Damcyan. Come per Mysidia, a Damcyan risiede un cristallo, il che vuol dire che Baron lancerà un attacco da un momento all’altro. Correte ad avvisarli!
…Troppo tardi.

SPOILER: A Tellah non piacciono i bardi. Proprio per niente. Toglietegli quella Rod dalle mani prima che faccia del male a qualcuno e, già che ci siete, anche il resto del suo equip.

Entrate in quello che resta del castello di Damcyan.

Capitolo 6 – You spoony bard!

Una volta dentro, prima di proseguire, fate un solo passo indietro, e andate a destra, lungo le mura del castello. Troverete una stanza, probabilmente le prigioni. Parlate con il soldato accasciato a terra, che si dissolverà come per magia (sì bambini, è morto), e preparatevi a prendere il tesoro di cui stava parlando. Premete il pulsante sulla parete (dove prima stava la guardia), e fatevi strada nel passaggio apertosi per trovare una Crossbow, un Feathered Cap e un Ruby Ring. Conservateli per dopo. Prendete le scale nell’angolo a sud-ovest, troverete sei forzieri contenenti Gold Needle, Phoenix Down, Antidote, Eye Drops, Ether, Potion. In tre dei quattro vasi troverete tre Iron Arrow (x10). Non sentitevi in colpa, razziare castelli e villaggi disastrati sarà un trend ricorrente nel nostro viaggio. Non sanno difendersi da soli? Beh, benvenuti a Final Fantasy, PERDENTI!
Uscite dalle prigioni e tornate sui vostri passi.
Proseguite a nord nel First Floor, nulla da fare qui, prendete le scale e recuperate la Tent a nord-est del Second Floor. Tanto a loro non serve più. Prendete le scale in basso e proseguite al Third Floor.
DU-DU-DU-DUUUUH!
Anna! Sembra parecchio messa male… Apparentemente si è sacrificata proteggendo il suo amato dalle frecce nemiche. Tellah non è più in sé, e deciderà di prendersela con quello stupido bardo che l’ha trascinata in questo pasticcio.
Entrambi verranno interrotti da Anna, ancora miracolosamente in vita, e dopo una toccante scena, verrete a sapere del nuovo capitano delle Red Wings, un certo Golbez, stregone dal potere smisurato, e probabilmente colui che sta dietro ai piani di Baron per conquistare i quattro cristalli. Adesso ne ha già due, e dovete affrettarvi ad avvertire gli altri due regni dell’imminente pericolo. Tellah però non è d’accordo; accecato dal desiderio di vendetta vi lascerà su due piedi per farsi giustizia da solo.
Non siate tristi, in compenso guadagnerete un nuovo membro: il bardo Edward altri non è che il principe di Damcyan. Piagnucolerà per un paio di minuti, Rydia tenterà di consolarlo, ma nulla da fare… Finché il nostro eroe non lo rimetterà al suo posto con una bitch-slap davvero degna di nota. Grazie, Cecil!
Edward è a livello 5, ha difese pietose, attacco mediocre, e si nasconderà ogni volta che i suoi HP diventeranno critici. Tanto meglio, vi risparmierete la seccatura di resuscitarlo ogni tre per due. Il comando Heal consuma una pozione e ricarica il party di 20 HP a testa. Sing tenta di infliggere status alterati a tutti i nemici in base all’arpa equipaggiata, ma a me sembra non funzionare mai. Usa un’arpa per combattere, che è l’unico suo punto di forza, in quanto ogni arpa infligge status alterati interessanti… la Dreamer’s Harp con cui è equipaggiato, ad esempio, farà addormentare il nemico. E badate bene, a differenza di quanto accade in molti FF, gli attacchi fisici NON rimuovono lo status Sleep! Piazzatelo in back row immediatamente, e dategli quell’Iron Ring che avete rimosso a Tellah, dato che vorrete quanta più difesa fisica possibile. Il Ruby Ring ha una difesa magica migliore, ma non ci sono nemici degni di nota che usano magie nel prossimo dungeon… Tenetevi stretti quei Ruby Ring in ogni caso, torneranno utili più volte in seguito: prevengono lo status Pig (che è una versione solo leggermente meno atroce di Toad) e non sono fatti di metallo… ma di questo ne parleremo dopo.
Un ultimo consiglio: Fate in modo che Edward sia al centro del vostro party (o in posizione 3, come volete dirlo): chi sta in centro ha più alta possibilità di infliggere status alterati. Invertite la vostra fila con il comando Row dal menu e arrangiate la vostra squadra di conseguenza.
Se avete intenzione di grindare un po’, sappiate che ai lati dell’ultimo piano del castello ci sono due vasi che ripristineranno i vostri HP e MP ogni volta che ne avrete bisogno.
Terminata la cutscene, vi ritroverete fuori da Damcyan, e a bordo del vostro primo mezzo, un Hovercraft! Vi eviterà gli scontri casuali, e potrete attraversare le scogliere a pelo d’acqua disseminate lungo la costa. Mettiamolo subito in uso: rotta a nord-est, dopodiché fatevi strada tra gli scogli. Giunti dall’altra parte, dirigetevi a sud ed entrate nel prossimo dungeon: Antlion’s Cave.

Capitolo 7 – Secrezioni di una formica gigante
(Beh, cosa vi aspettavate che fosse il Sand Ruby, una gemma sbrilluccicosa? NO!)

Quest’area (Antlion’s Cave – B1) nasconde svariati tesori, e ovviamente un paio di nuovi nemici. I Domovoi sono dei goblin rossi, e sono egualmente inutili. Adamantoise è un rettile, quindi debole a Blizzard (o alla Ice Rod). Yellow Jelly è debole a Thunder. Basilisk contrattacca con Stone Stare: ci vorrà un po’ prima che faccia effetto, non preoccupatevi, magari lasciatelo per ultimo. Leshy tecnicamente è debole alle Holy Arrow, ma non ha senso sprecarle per qualcosa di così patetico. Cecil sarà il vostro principale damage dealer, oneshottando praticamente tutto ciò che Rydia non può eliminare con Thunder o Blizzard. Edward… è il principe di Damcyan. E suona l’arpa… Attaccate e basta, e non è una cattiva idea livellarlo un po’ dato che ha davvero pochi HP per sopravvivere.
Dirigetevi a sud, passate sotto il ponticello per prendere quella Potion, e prendete le scale a nord-ovest per trovare una Spider’s Silk, altro oggetto immensamente utile, che casta l’equivalente di DUE magie Slow sull’intero party nemico (sì, potete usare slow due volte di fila e l’effetto si accumula). Non usatela, conservatela per dopo.
Andate a sud, sud-ovest, e fate inversione a U per trovare due forzieri contenenti una Tent e una Potion. Tornate sui vostri passi; per fortuna gli scontri casuali sono meno frequenti che nella Underground Waterway, e il dungeon stesso è molto più piccolo. Dirigetevi stavolta ad est, passate sotto un altro ponte a nord per recuperare un’altra Potion, proseguite ad est e prendete la scalinata a nord, troverete un Gold Needle. L’uscita è a sud di quest’ultimo forziere.
Proseguite a sud nella nuova area (Antlion’s Cave, B2): troverete a destra un forziere con un Antarctic Wind (usatelo sulle Adamantoise) e a sinistra la porta per una stanza contenente una Lamia Harp. Questa infligge Confuse al posto di Sleep, ma gli attacchi fisici cancellano questo status. Se come me pigiate A spesso nelle battaglie casuali più semplici, gli eventuali effetti verranno resi inutili da un vostro attacco fisico. Confuse è comunque un ottimo status e la Lamia Harp è un po’ più potente della Dreamer’s Harp: a voi la scelta.
Uscite di lì, proseguite ad ovest e poi a nord, non entrate subito nella porta che vi trovate davanti, aggiratela e andate ad est per trovare un’altra Potion. Ad ovest c’è un altro forziere contenente una Spider’s Silk (conservatele!); dopo averla presa entrate nella stanza che avete precedentemente ignorato. Troverete un save point (usate una Tent se necessario), e tre forzieri: Ether, Phoenix Down ed Emergency Exit. Questìultima vi farà lasciare istantaneamente un dungeon, e la potrete usare una volta terminato il vostro lavoro (ewwww).
Uscite di lì, e tornati nel B2 dirigetevi nell’ultima via rimasta, a sud. Congratulazioni, siete arrivati all’Antlion’s Nest! Molto più facile di quello stupido canale, no? Non perdete tempo ad esplorare, niente tesori qua intorno. Scendete giù invece, e preparatevi a sporcarvi le mani. Yuk!

“It’s okay. Antlions are quite tame. They don’t attack people.” – Edward, un secondo prima di essere quasi tranciato in due.

Boss: Antlion
HP: 1100

Questa è piuttosto semplice. Antlion contrattacca gli attacchi fisici con Counter Horn. Ragion per cui è meglio difendere soltanto con Edward, o finirete per danneggiare più voi stessi che il boss (sì, le note contano come attacco fisico E sono influenzate dalla back row! Ed raggiunge nuovi livelli di mediocrità). Tecnicamente, Antlion ha solo un attacco fisico MOLTO debole e MOLTO lento, quindi se invocate Chocobo a raffica non vedrete nemmeno un contrattacco e non potrà danneggiarvi sul serio. Attaccate comunque tre o quattro volte con Cecil per accelerare il processo, finché i vostri HP non scendono troppo.

Dopo aver – giustamente – lasciato ad Edward il compito di recuperare quel Sand Ruby, rifate il percorso all’indietro, o meglio ancora usate quell’Emergency Exit che avete trovato prima. Vi ritroverete nella world map. Yay!
Non resta che tornare a Kaipo: per farlo salite sull’Hovercraft e da Damcyan andate ad ovest oltre il deserto. Attraversate verso sud la scogliera che troverete lungo la costa e potrete ritornare al deserto di Kaipo. Una volta lì, spostate Edward nella front row, dopodiché entrate nella casa dove riposa Rosa. Parlatele, vi verrà data l’opzione di usare un oggetto. Naturalmente vorrete usare il Sand Ruby, a mo’ di Vicks Vaporub (SFX: squish squish squish). Aaah, così va meglio!
Rosa si riprende e, sebbene ancora debole, insiste per offrire a Cecil il suo aiuto. Ah, l’amore… Cecil, riluttante, accetta. Dopotutto è pur sempre una maga bianca, e che maga bianca!

Capitolo 8 – Sconfiggere le proprie paure
(No, non parlo di Edward. Lui continua a piagnucolare)

Quella notte…
Edward è solo, e canta la sua tristezza sotto un cielo stellato… Naturalmente agli abitanti di Kaipo non piace essere svegliati, e gli viene aizzato contro il Sahagin da guardia.

Boss (?): Sahagin

Beh, c’è la musichetta delle boss battle… Attaccatelo due volte (l’attacco deve andare a segno, per questo vi ho suggerito di mettere Ed in front row) ed Anna apparirà ad Edward, dandogli un ultimo addio. Attaccate un’ultima volta per terminare la battaglia e far guadagnare qualche livello al vostro bardo preferito. Ho scritto “vostro” di proposito.

Con un nuovo membro nel nostro party, e un Edward dal rinnovato coraggio (non ci crede nessuno, vero?) siamo pronti a proseguire il nostro viaggio, con l’obiettivo di avvertire il regno di Fabul della minaccia incombente e difendere il terzo cristallo dalle grinfie di Golbez.
Non ho ancora parlato di Rosa: è al livello 10 ed è fantastica. HP e difese decenti (datele un Feathered Cap e uno di quei due Ruby Ring), ottima maga bianca, e può anche infliggere discreti danni se le date la Crossbow che avete trovato a Damcyan. Comprate quante più iron arrow possibili a Kaipo, costano pochissimo. Il comando Aim non vi farà mai leggere “miss”, cosa molto utile in quanto gli archi in generale non sono armi precise. Diversi nemici volanti nella prossima area sono deboli all’elemento Throw (in comune tra lance e frecce), quindi vi torneranno utili. Togliete la Bard’s Tunic a Edward – rifilategli una Leather Garb – ed equipaggiatela a Rosa, stessa difesa ma l’immunità dallo status Silence (impossibilità di lanciare magie), utile a Rosa, è completamente irrilevante per il bardo. Tra le magie bianche abbiamo l’utilissima Slow, che funziona praticamente su tutti i boss del gioco, e Hold, che paralizza un nemico per un po’ di tempo. Per ora è uno spreco di MP e molti nemici ne sono immuni, ma avrà il suo uso più in là. Scan è d’aiuto se volete conoscere HP e debolezze di un nemico, ma mi sentirei insultato se dovreste ricorrere a questa magia anche solo una volta durante il corso del gioco. Non funziona su diversi boss, ma ci sarà un modo di aggirare l’ostacolo… Non che vi serva!
Salite a bordo dell’Hovercraft e ritornate alla scogliera subito prima della Antlion’s Cave. Questa volta però, continuate ad est per raggiungere il tortuoso sentiero del monte Hobs.

Visto che adesso le cose si fanno un po’ confuse, con tutti questi party member che vanno e che vengono, periodicamente elencherò il mio party e l’equipaggiamento. Al momento:

1. Rosa LV 10 – Iron Arrow – Crossbow – Feathered Cap – Bard’s Tunic – Ruby Ring
2. Cecil LV 15 – Shadow Blade – Dark Shield – Hades Helm/Armor/Gauntlet
3. Rydia LV 13 – Ice Rod – Feathered Cap – Leather Garb – Ruby Ring
4. —
5. Edward LV 10 – Lamia Harp – Feathered Cap – Leather Garb – Iron Ring

Non me ne frega niente degli status alterati, Edward sta lì da solo e la notte dorme fuori (seriamente, Confuse per mezzo della Lamia Harp è piuttosto utile nel Mt. Hobs e potreste considerare di lasciarlo in posizione 3),

Appena entrati, avrete subito la strada sbarrata da una parete di ghiaccio. Apparentemente, Rydia non può usare la magia Fire perché le ricorda ciò che è accaduto al villaggio di Mist. Povera piccola. Va’ via Edward, nessuno ha compassione per te. Ma dopo un sincero incoraggiamento di Rosa – e soprattutto senza l’approccio più “diretto” di Cecil – la giovane Summoner riesce a mettere da parte il suo trauma e a dissolvere la barriera di ghiaccio. Awww. Sei anni e ha già più fegato di certi uomini adulti… Okay, non è che odio Ed, è che è fin troppo facile prendersela con lui! Sarà che è mio omonimo. 😀
Per la cronaca, adesso Rydia conosce la magia Fire. Menu -> Magic -> Rydia -> B. Magic, e riordinatela al primo posto tra le magie elementali, come è giusto che sia (o come il mio OCD mi obbliga a fare ogni volta che rigioco FFIV).
Nuovo dungeon, nuovi nemici!
Spirit ha pochi HP, ed assorbe l’elemento fuoco. Eliminatelo con Cecil. Di solito viaggia in coppia con Skeleton, che invece è debole alla magia Fire: eliminate prima i due spirit e finite la battaglia con un Fire su tutti gli Skeleton. Gargoyle e Cockatrice sono entrambi deboli alle frecce di Rosa che faranno danni quadrupli, e se infliggete Confuse (Lamia Harp) alle Cockatrice, casteranno Beak sul loro party (morte istantanea a chi non è immune), mentre i Gargoyle useranno Tornado sul loro party, riducendo chiunque colpiscano a meno di 10 HP. Fate prima ad eliminarli normalmente, in ogni caso.
Benvenuti a Mt. Hobs (West)! Proseguite a nord finché non siete obbligati a deviare, prendete le scale a sinistra, ed entrate nella prima porta che vi trovate davanti. Ad ovest c’è un save point, e a sud-est di esso una manciata di forzieri: Tent, Potion, Gold Needle e 960 Gil.
Tornate indietro (salvando e usando una Tent se necessario), e continuate ad est verso la prossima porta. Qui (Mt. Hobs – Summit) troverete delle Holy Arrow (x10) immediatamente ad est: conservatele per dopo. Preparatevi prima di proseguire a nord.

Capitolo 9 – Moms are tough!

Troverete un monaco alle prese con una banda di mostri. Date il benvenuto al vostro nuovo membro: Yang! Non c’è tempo per le introduzioni, pensiamo prima a salvargli la pelle.

Boss: Mom Bomb
Bomb x3 (HP: 55 ciascuno)
Gray Bomb x3 (HP: 111 ciascuno)

Ah, la prima boss fight impegnativa del gioco, e il vostro primo party di cinque persone in un colpo solo! Se siete organizzati come me, Yang sarà al quarto slot in prima fila, il che è un bene. Cercate di mantenere gli HP il più alti possibile; dopo una manciata di attacchi Mom Bomb si trasformerà in un… coso, e si preparerà ad esplodere. Avete giusto il tempo di lanciare un Cure con Rosa se necessario, dopodiché difendete con TUTTI, fatta eccezione di Edward (Hide) e Yang (Guard, ha diversi nomi in diverse versioni, ma sta sotto il comando Kick).
Una volta esploso, inizia la vera battaglia: curatevi immediatamente dai danni dell’esplosione, fate tornare Edward sul campo, ed iniziate ad eliminare le Bomb e a tentare di infliggere Confuse sulle Gray Bomb (quelle grigie, DUH). Ad ogni turno di Rosa, selezionate White, CONTROLLATE chi ha più bisogno di cure ed agite di conseguenza. Yang ha parecchi HP ma difese infime, fate attenzione che lui è il personaggio più a rischio perché raramente tornerà a piena vita con un singolo Cure. Ogni Bomb può esplodere in ogni momento, infliggendo danni ad un personaggio pari agli HP che gli rimangono. Confuse potrebbe far esplodere un Gray Bomb sul party nemico, facendovi guadagnare tempo prezioso. Fatte fuori le Bomb, finite quelle grigie. Continuate a curarvi se necessario, sprecate un turno per usare una Potion con chiunque eccetto Cecil e Rosa, designati rispettivamente a fare più danni possibili e spammare magie curative.
La battaglia è contorta ma veloce, più in fretta eliminate quelle Bomb, più vi verrà facile uscirne vittoriosi.

Dopo aver informato Yang di Golbez, il gruppo sospetta che ci sia lui dietro gli incessanti attacchi da parte dei mostri. I monaci sono stati decimati, e al castello non restano che pochi inesperti soldati. Meglio affrettarsi. Ripristinate i vostri HP, ne avrete bisogno, e proseguite a nord verso l’uscita.
Prima di continuare, date a Yang un Iron Ring e un Feathered Cap (rubatelo a Rosa, tanto lei sta in back row, e sostituitelo con un Leather Cap). Qualche informazione su di lui: è a livello 10, usa i Claw come armi, e per ora non è un granché. Kick è inutile pressoché in ogni circostanza, colpisce tutti i nemici sullo schermo ma fa danni davvero troppo bassi. Focus è come Jump, solo che restate a terra, vulnerabili agli attacchi. Generalmente attaccare è meglio, ma ci saranno casi in cui vi tornerà parecchio utile. Guard è una versione migliorata di Defend, subirete un terzo dei danni fisici al posto di dimezzarli.
C’è ancora un’altra schermata – purtroppo – e un nuovo nemico nei paraggi, Bloodbones. Debole a Fire, trattatelo come suo cugino Skeleton. Dirigetevi ad est e seguite il sentiero verso sud. L’uscita è a sud-est.

Bentornati nella World Map! Qui potrete incontrare Gatlinger, che come lo Sword Rat contrattaccherà con Needle. Se volete sprecare MP, potete addormentarli… Fabul è ad est, quindi proseguite in quella direzione, fate un po’ di slalom tra le montagne e la troverete, in mezzo ad una piccola area deserta.

Capitolo 10 – Ah cainu! Ah bastasu!
Per citare Cetto La Qualunque ho avuto bisogno di un grande calo d’ispirazione.

XXX – SEXY SPOILER – XXX: Una volta entrati a Fabul, spogliate Rosa. Dove sta per andare, non avrà bisogno di vestiti…

Finalmente giunti al castello di Fabul, apprenderete dalle guardie che il re ha bisogno di parlare con Yang. Davvero, non dicono altro. Procedete diritto fino ad arrivare al First Floor. A sinistra c’è un Inn, ignoratelo. A destra c’è un interessante negozio di armi: comprate un Ice Claw e un Lightning Claw per Yang, ed equipaggiateli entrambi. Potete anche aggiornare ulteriormente l’armatura di Cecil, comprando Demon Helm, Armor e Gloves. Se non l’avete già fatto, è il caso di vendere ogni pezzo obsoleto. Faccio prima a ricordarvi cosa tenere (escludendo, ovviamente, ciò che già avete addosso): Dreamer’s Harp, Fire Claw, Holy Arrow, Crossbow, eventuali Ruby Ring in eccesso (dovreste averli equippati). Fatto? Fatto.
Continuate al Second Floor, ma non tirate subito dritto; prendete l’uscita a sud e dirigetevi nella torre a sinistra. È tempo di ridere di nuovo delle disgrazie altrui e sgraffignare qualche altro tesoro. In uno dei vasi a nord c’è una Rage of Zeus (Thunder su tutti i nemici, inutile), e nei forzieri troverete un Bomb Fragment, un Antarctic Wind e una Potion. Niente al piano superiore; in cima potrete fare conoscenza con l’adorabile moglie di Yang.
Lasciate questa torre ed entrate in quella a destra. Niente in questo piano, proseguite al secondo e potrete trovare un utile Bacchus’s Cider: chi lo usa si autoinfligge Berserk, uno status interessante di cui parleremo dopo. Conservatelo. Non vorrete consumarlo adesso, specialmente se avete intenzione (e dovreste) di parlare con la giovane donna di spalle vicino al bancone.
…Brrrr. L’ultimo piano è la camera del re, potrete “prendere in prestito” una Tent e persino riposare nel suo letto! E chi ha bisogno di pagare per una stanza?
Uscite di qui, questa volta continuate a nord, tutti in questo castello vogliono che parliate col re, quindi sarebbe il caso di farlo. Reso cosciente del pericolo, il re vi chiederà se siete disposti a difendere il castello. Rispondere “no” vi darà tempo per prepararvi, se è necessario. Altrimenti, rispondete “sì” e proseguite.
Rosa e Rydia non prenderanno parte al divertimento, relegate in cucina… cioè, in infermeria. È un lavoro per uomini questo, e per Edward.
Affronterete una serie di semplici battaglie. L’unico consiglio è di tenere d’occhio i vostri HP ed usare Potion quando serve. Ricordatevi che per la prima volta dopo ore di gioco, non avrete maghi bianchi a disposizione! A parte vecchie conoscenze come Gargoyle e Sahagin, affronterete due nuovi nemici: Captain e Baron Warrior, che funzionano come il General e i suoi Baron Soldier. Lasciate un Warrior soltanto, finite il Captain, possibilmente curatevi (ricordatevi che tra uno scontro e l’altro non potete farlo, quindi approfittatene) e terminate lo scontro per ricevere più EXP possibile.
Dopo tre battaglie, riuscirete a barricarvi dentro. Anzi no. Altre due battaglie e sarete costretti a ritirarvi nella Crystal Room. Non vi piacerà la sorpresa che troverete.

Ebbene sì, Kain non è morto, e pare che non l’abbia presa bene di averlo spogliato di armi e armatura l’ultima volta. Esterrefatto, Cecil si lascerà trafiggere dalla lancia di Kain, rimanendo in fin di vita (seriamente, lasciatevi colpire e non provate ad attaccare, tanto non potete vincere, perdereste solo tempo).
Kain dev’essere posseduto da Golbez! Rosa cerca di fermarlo, e Kain esita nel sentire la sua voce.
Ah questi ragazzi oggigiorno, incolpano Golbez di tutto ciò che va storto. Manie espansionistiche di Baron? Golbez! Incendi e bombardamenti? Golbez! Mostri ovunque? Golbez! Kain che sputa fuori il suo complesso di inferiorità nei confronti di Cecil? Cento volte Golbez! Ma chi diavolo è in ogni caso, ‘sto Golb… Oh merda.

“So you’re Cecil, I presume? Never hesitate to kill, Kain. I’ll show you how it’s done!”
– Golbez, prima di massacrare tutti senza ritegno.

Beh, come ingresso non c’è che dire. Fantastico theme in sottofondo, entra, picchia tutti, si prende il cristallo E Rosa, solo perché gli va. Forse non avremmo dovuto denudarla, dopotutto… Oh beh.
Per fortuna i restanti membri del gruppo sono tutti interi. Abbiamo fallito, ma non è tempo di piangere sul latte versato. Dobbiamo tornare a Baron e recuperare cristalli e fiancée.
Uscite dalla Crystal Room, vedete quel vaso a sinistra? Contiene utili Hermes’ Shoes. A destra, ben visibile e simmetrico al vaso, c’è un pulsante. Passateci sopra e aprirete un passaggio segreto che vi condurrà a tre forzieri: Demon Shield, Ether e Spider’s Silk. Riposatevi nell’Inn (questa volta è gratis), potrete discutere un possibile piano d’azione per scovare ed eliminare Golbez: impossessarsi di un’Airship delle Red Wings, ma per farlo avrete bisogno di tornare a Baron. Yang propone di chiedere una nave in prestito al re.
La mattina dopo vi ritroverete già nella camera regale: il re accetterà la vostra richiesta e donerà a Cecil la Deathbringer, un’ottima spada che può uccidere istantaneamente i nemici che non resistono lo status Death. Vi lascerà con una frase: “l’oscurità non può mai sopraffare il vero Male”, il ché è un problema visto che Cecil è praticamente il cugino di secondo grado di Satana. DEMON shield? DEATH bringer? A guardarlo bene, con quell’elmo e tutto il resto, lui e Golbez potrebbero essere fratellini… Lasciamo perdere, sto farneticando. Faremo qualcosa al riguardo al momento opportuno.

Capitolo 11 – I’m on a boat, MOTHAFUCKA!

HAPPY SPOILER! ^_^ – Weeeee, gita in barca! Yang, Edward e Rydia ADOOORANO un bel bagno a mezzogiorno. Non lasciate che in acqua perdano i propri anelli, che i Claw si arrugginiscano, sì insomma avete capito. Togliete tutto prima di imbarcarvi, parecchia roba vi tornerà utile, SOPRATTUTTO Claw e Ruby Ring.

Mai più faccine felici. Mai più. Brrr.
Se non l’avete già fatto, equipaggiate Deathbringer e Demon Shield recentemente ottenuti. Fantastico, adesso potete suonare con gli Immortal. Tornate dalla moglie di Yang (torre a sinistra) e salutatela, da bravi. Uscite dal castello, dirigetevi ad est e poi a nord, troverete un’altra Chocobo Forest, con un’altra Ghysal Greens nascosta nell’erba ed un altro Fat Chocobo invisibile. Se non l’avete fatto, leggete lo spoiler sopra – davvero, avrete solo da guadagnarci! – ed imbarcatevi (la barca è ben visibile, sulla destra del castello).
Godetevi il viaggio, finché potete. Spunta Leviathan dal nulla. La barca è ingovernabile. Rydia cade in acqua, Yang si getta per salvarla… Edward piagnucola un altro po’ e riesce, nel cadere in acqua, ad essere più effeminato di una bambina di sei anni. Tanto di cappello.
Siete soli adesso. Per fortuna che c’è una città nelle vicinanze. Muovetevi a raggiungerla…

…Di tutti i posti, proprio Mysidia?
La gente non è felice di vedervi, oh no. Parlate con tutti, le reazioni sono interessanti. Se vi beccate un Toad, parlate con lo stesso mago un’altra volta. Ve lo lancerà di nuovo addosso, annullandone l’effetto (ora capisco come si sono fatti sconfiggere così facilmente). Entrate nell’inn e, come al solito, parlate con la ragazza vicino al bancone.
Vanno sempre peggio queste danze, eh?

“Mi ha detto mio cuggino
che una volta in discoteca
ha conosciuto una tipa
che però poi non si ricorda più niente
e alla fine si è svegliato in un fosso
tutto bagnato che gli mancava un rene!
Mio cuggino mio cuggino.”

– Satana su suo cuggino Cecil.

Ciance a parte, siete in status Piggy. Yuk. Ne è valsa la pena, dai! Tornate all’inn, parlatele di nuovo, e lo status Piggy scomparirà come è successo con Toad. Probabilmente riavrete anche il vostro rene, almeno spero…
Una volta finito di sollazzarvi con gli abitanti del villaggio (un mago bianco ad ovest scapperà più volte se provate a parlargli), dirigetevi alla vostra meta, il Manor of Prayers, a nord del villaggio.
Parlate con l’Elder, che manco a dirsi è l’uomo calvo che sta ialcentro. Dopo le vostre scuse, ed una piccola lezione d’umiltà, sarete avvisati nuovamente del fatto che una Dark Sword non basta per poter sconfiggere Golbez. Come fare? Lasciatevi dietro il passato, superate le prove del Mount Ordeals e diventate un Paladin!
C’è il piccolo inconveniente che nessuno è mai uscito vivo da quel posto, ma non abbiate paura! L’anziano saggio vi concederà i suoi due migliori maghi. Sono persino PIÙ PICCOLI di Rydia, quindi seguendo la logica di Final Fantasy saranno ANCORA più potenti! Wow.
Entrano in scena i gemelli Palom e Porom! Dopo Golbez, questa è un’altra fantastica introduzione. Palom è un mago nero iperattivo, che alla tenera età di cinque anni mostra di aver capito già tutto della vita.

“I’d like to show you my Fire Rod” – Palom a qualunque bambina che non sia sua sorella

Porom, maga bianca, è la sorella, più seria e responsabile (YAWN).

“Whack!” – Porom, nel vano tentativo di fermare la creatività del fanciullo.

Io tifo team Palom, che vi piaccia o no.
Con l’ingresso di Golbez ci siamo scaldati, ma è da qui che (a mio modesto parere) il gioco decolla davvero. L’assenza di Edward contribuisce solo in parte a rendere memorabili questi momenti.
Sapete cosa viene adesso, no? Adesso è il momento nerd in cui descrivo i nuovi arrivati.
Entrambi i personaggi si uniranno a voi al livello 10.
Palom è interessante. Apprende magie nere con una velocità impressionante, se avete la pazienza di grindarlo fino al lv 23, imparerà Quake, togliendo pressoché ogni accenno di sfida a questo punto arrivati (SPOILER: eventuali maghi verdi neri che potreste reclutare in seguito la imparerebbero al lv 47, e ne passa di tempo). Tutto ciò che vi interessa, però, è Fira, che Palom può apprendere comodamente al lv 12.
Bluff è utile, raddoppia il vostro intellect e funziona per un singolo cast. A conti fatti sprecherete metà MP con Bluff + magia piuttosto che utilizzandola due volte di fila.

Comprate una Fire Rod (*wink wink*) nel negozio di armi a sud-ovest del villaggio, e due paia di Wizard’s Hat, Gaia Gear e Silver Armlet. Serviranno ad entrambi.
Porom, come il fratello, apprende magie bianche ad un ritmo impressionante. Tutto ciò che vi serve è raggiungere il livello 13 (Cura). Datele la Crossbow e comprate una manciata di Holy Arrows. Aiutano, anche se, a differenza di Rosa, vedrete diversi miss. La Healing Staff con cui parte equipaggiata cura l’intero party se usata come item in battaglia: vi tornerà utile in seguito, ma per la prossima area le Holy Arrow sono di gran lunga la miglior scelta.
Completate l’equipaggiamento con Wizard Hat, Gaia Gear e Silver Armlet.
Cry è un comando inutile, serve a facilitare la fuga. Molto più utile nella versione DS, dove diminuisce la difesa dei nemici…
Il comando Twin permette di lanciare magie discrete, ma con un tempo di cast lunghissimo, un costo di MP notevole, e sprecando due turni (uno per gemello) nel processo. Non usatelo.
Ovviamente, back row per entrambi. Ma questo l’avevate immaginato, no?
L’Armor Shop vende equip da Paladin. Da dove arrivi la domanda, visto che nessuno è mai uscito vivo dalle prove del Mount Ordeals, è un mistero. Agguantatene quanti più pezzi potete, lasciate perdere l’armor. Se vi resta qualche spicciolo, piuttosto, comprate un terzo Wizard’s Hat e magari anche un terzo Silver Ring.
Lasciata Mysidia, dirigetevi ad est. Fate attenzione agli Zu, possono far male ai gemelli specie a livello basso, ma avete ottime possibilità di eliminarli in un colpo solo, cortesia della Deathbringer. Approfittatene per far guadagnare quei pochi livelli cruciali ai vostri due maghetti. Continuando ad est incapperete nel Mt. Ordeals – è piuttosto ingombrante, e circondato ad anello da una foresta. Direttamente a sud dell’ingresso c’è un’altra Chocobo Forest. Vi consiglio di curarvi del tutto con Porom e di acchiappare un White Chocobo: ripristinerà tutti i vostri MP. Solita Ghysal Greens tra l’erba, solito Fat Chocobo. Se avete venduto la roba in eccesso, non ne avrete bisogno. Uscite dalla foresta e salvate fuori che non si sa mai, dopodiché procedete verso il Mt. Ordeals.

Capitolo 12 – Night of the Living Dead

Bel posticino, no? Spettri, zombie, scheletri, sexy (?) donne-serpente e un demonio pescato direttamente dall’inferno Dantesco? Non si scherza più. Vi piacevano quei ponticelli, quelle pareti rocciose? Adesso a delimitare l’area ci sono pietre tombali. Butta via quella Deathbringer, poser di un Cecil, che ai VERI cattivi con quella fai il solletico.
Analizziamo meglio i nuovi nemici: i Soul come i vecchi Spirit assorbono Fire ed hanno più HP, Revenant e Ghoul sono due palette swaps degli Zombie, con più HP ma sempre deboli a Fire. Le Lilith a volte rispondono con Entice (confuse), cercate di lasciarle per ultime quando avere un membro confuso non è un grosso problema. Saranno presenti Skeleton e Bloodbones in quantità, niente che non abbiate già incontrato sul Mt. Hobs. TUTTI i vostri nemici sono deboli – ovviamente – all’elemento Holy, ed è qui che le Holy arrows danno una mano. Non scherzavo quando menzionavo la Deathbringer, Cecil non sarà molto utile contro i nemici più ostici di quest’area (Mt. Ordeals – Entryway).
Dirigetevi ad ovest, verrete bloccati da un muro di fuoco. Niente pinguini killer o traumi simili nella sua infanzia, dato che Palom sembra in grado di usare Blizzard senza difficoltà.
Nel frattempo…
La scena si sposta brevemente sui cattivi. Verrete a conoscenza di parte dei piani di Golbez, che ha intenzione di servirsi di Scarmiglione, uno dei quattro Elemental Lord, per liberarsi di voi!
Trivia: Scarmiglione, così come gli altri tre Lord, prende il nome da uno dei tanti demoni che popolano le Malebranche nell’Inferno di Dante.
Ne sapete una in più adesso! A meno di non aver frequentato il classico (yawn).
Kain soffre ancora del complesso di inferiorità. Apparentemente vuole dimostrare a Rosa quanto lui sia migliore di Cecil, cercando di farlo fuori ad ogni occasione possibile. Avete presente quando parlavo di Palom, e di aver capito tutto della vita a cinque anni? Kain… Evito di continuare. Ma Kain è sotto l’influenza di Golbez, quindi non è del tutto colpa sua!
Proseguite ad est ora che il passaggio è libero, prendete le due Potion nei forzieri sulla destra, e continuate a salire. Raggiungerete una nuova area (Mt. Ordeals – Station Three). Niente di speciale qui, continuate a salire. Verrete interrotti da Tellah. Come sia arrivato fin qui è un mistero, ma almeno sappiamo il motivo della sua visita alla Death Mountain: la ricerca della magia nera definitiva: Meteor! Aggiornerete il saggio gli ultimi avvenimenti (il che mi ricorda: Edward non è più nel party! YAY), Porom farà un’ottima considerazione sulla magia Meteor e lo sforzo che richiederebbe all’arzillo nonnino. Maaa non pensiamoci su, facciamo due passi, pensieri felici! Ah già, le pietre tombali, gli zombie, le sexy donne-serpente, eccetera. Lasciamo perdere.
Avete acquistato il Wizard Hat e il Silver Ring in più? Se sì, equipaggiate Tellah a dovere. Sostituite la Staff con una qualsiasi Rod. Proseguite verso nord, arriverete alla Station Seven del Mt. Ordeals. Andate a ovest, troverete un Ether. Proseguite a nord e poi a ovest, non ci sono deviazioni. Prima di lasciare l’area, a sud dell’uscita c’è un forziere con un altro Ether.
Siete arrivati in cima (Mt. Ordeals – Summit)! Sssentirete un ssibilo sssossspetto, ignoratelo. Continuando a nord, noterete un save point sulla destra. Hurray! Abusatene immediatamente. Un altro sibilo, e Porom inizia a starmi sui nervi. Percorrete la lunga scalinata, e preparatevi prima di mettere piede in quel ponte, perché…

Boss: Scarmiglione
HP: 3500
Revenant x4
HP: 250 ciascuno

Fate usare Fira a Palom, dovrebbe tirar giù tutti gli zombie in un colpo. Evitate di fare attacchi inutili (come le frecce di Porom o le magie di Tellah), dato che il boss contrattacca ogni cosa con Thunder. Finitelo invece con una combinazione di Bluff e Fira da parte di Palom.

OPPOSITE DAY SPOILER! – Oggi è il giorno dei contrari. Menu -> Row, cliccate una volta. Sarà divertente!

Proseguite lungo il ponte. Non andrete lontano.

Boss: Scarmiglione
HP: 3523

Yawn. Stavolta ci prova da dietro. Se avete invertito Row come vi ho detto, non avrete problemi. Contrattacca le magie infliggendo Poison sull’intero party, quindi evitate di usare Tellah. Bluff + Fira di Palom, l’avrete oneshottato o quasi; le frecce di Porom a ‘sto giro funzionano perché, a differenza di prima, è debole SIA a Fire CHE a Holy. Il prossimo!

Capitolo 13 – La via del Paladino: porgere l’altra guancia

Ce l’avete fatta, siete arrivati in cima. È il momento di spogliarvi delle vesti di Cavaliere Oscuro, e… Davvero, toglietevi tutta quella roba di dosso, questo è talmente ovvio che non lo metto neanche tra gli spoiler. Fatto? Fatto. Ora avvicinatevi alla tomba più grande in centro. Una voce misteriosa chiamerà Cecil “My son”, che finalmente diventerà un Paladin! A me piaceva in versione Cavaliere Cazzuto, ma a volte bisogna fare quel che bisogna fare… Non è finita qui. La prova finale consiste nell’affrontare il Dark Knight di cui vogliamo liberarci, come un vero Paladin farebbe!
… Ovvero, non fate altro che difendere per tre o quattro turni, e avrete vinto. La “battaglia” è anticlimatica ma il momento è comunque epico. Inoltre, Tellah ha in qualche modo ricordato tutte le sue vecchie magie e ha appreso Meteor! Peccato che il saggio non avrà mai più di 90 MP e Meteor ne costa 99. Poco male, sarebbe overkill puro e semplice, e noi questo non lo vogliamo. E poi adesso Tellah conosce Firaga, Blizzaga e Thundaga, possiamo divertirci comunque! E ci divertiremo con queste magie, nel prossimo futuro.
Sì, dovrete ripercorrere l’intero monte all’indietro, ma non è un male, perché il vostro nuovo e pulitino Cecil è ripartito dal livello 1. Non scordatevi di invertire nuovamente la Row! Equipaggiate tutto il “Light” equipment che vi siete potuti permettere, il resto lo comprerete una volta tornati a Mysidia. Solitamente riesco ad avere tutto meno che l’Armor, e io grindo davvero, davvero poco. La discesa sarà una passeggiata, grazie all’aiuto della Sword of Legend di Cecil.
Decidete se prendere o meno un Chocobo (tutti quegli Zuu sono seccanti da abbattere senza l’instant death della Deathbringer, e non danno poi così tanta EXP) e ritornate, vittoriosi, a Mysidia.
Parlate un po’ con gli increduli abitanti del villaggio per vedere come reagiscono. Lasciate stare la tipa nell’Inn, per il vostro bene (rene?).
Vendete la vostra vecchia ferraglia da Dark Knight, ed eventualmente acquistate i pezzi di armor che non eravate riusciti a permettervi in precedenza. Tra le battaglie del monte Ordeals e i pezzi venduti, non dovreste avere problemi.
Tornate dall’Elder per dargli la buona notizia. Scoprirete che Palom e Porom sono stati mandati per spiarvi più che proteggervi (Palom se l’era fatto scappare prima, in ogni caso), ma è tutto okay perché adesso siete Paladini.

“I’m gonna love & tolerate the shit out of you!” – Cecil, dopo aver visto una puntata dello show preferito dai Paladini

Mostrerete la vostra spada nuova di zecca all’anziano, che sarà sorpreso di trovarvi inscritta un’antica Leggenda:

Non tentate di decifrarla, non ci capisco niente neanche io che so cosa vuol dire.
Sebbene l’anziano sia familiare con la leggenda, non ha idea del perché quella voce dentro la tomba abbia parlato a Cecil da padre a figlio. Beh, avete cose più importanti da fare che star qui con le mani in mano: dopo aver scoperto che Tellah e l’Elder sono stati compagni di briscola, lasciate Mysidia. Palom e Porom avranno il permesso di seguirvi. Yay!

Parte 14 – La via del Paladino: saccheggiare il villaggio di Mist

Sì beh, insomma, dovete trovare un modo di tornare a Baron piuttosto in fretta. E un modo c’è. Ricordate la Devil’s Road nella città di Baron? Era utilizzata come via di comunicazione con Mysidia! E l’Elder ha deciso di riaprirla, solo per voi. Entrate nell’edificio a nord-est e posizionatevi sul cerchio bianco. Verrete teletrasportati a Baron in men che non si dica. Parlando in giro avreste scoperto che questa via consuma parecchia energia spirituale, ma ora che siete Paladini non avrete problemi ad usarla. Niente di interessante, lo so, ma provo piacere nel riempirvi di dettagli inutili, okay? Okay.
Qui a Baron è tutto ancora chiuso. Che palle. La prima cosa da fare, in ogni città, è dare un’occhiata all’inn. Proseguite nel pub, troverete qualcuno di molto familiare.
Yang! Apparentemente anche lui è sotto l’influenza di Golbez, o qualcosa del genere. Per me sono tutti invidiosi del fatto che Rosa usi Berserk su Cecil ogni sera, se capite cosa voglio dire. Vi manderà contro due soldati, vi consiglio di provare Bio di Tellah. Dopodiché, lui stesso proverà ad attaccarvi. Picchiatelo finché non torna in sé. In alcune versioni dipende dal numero di attacchi, in altre dai danni, a voi non importa. Picchiatelo, se lo merita. Tellah può riempirlo di magie elementali di terzo livello, se finisce gli MP c’è sempre Osmose. Avrete bisogno di una o due Cura se Yang decide di usare Kick spesso.
Finalmente tornato normale, vi rivelerà che non ricorda nulla degli ultimi giorni, e Cecil da bravo Paladino crederà ad ogni sua parola. Veniamo a sapere che Edward è disperso, e che Rydia è stata ingoiata da Leviathan. Perché non l’opposto? Stupido gioco! Comunque, Trama vuole che Yang si ritrovi in tasca un passepartout dell’esercito, la Baron Key. Deus ex machina! Riposatevi all’inn, e vedremo di far buon uso di quella chiave.
Oppure no. Quello che sto per scrivere è opzionale, ma vi sarà di grande aiuto nei prossimi dungeon. Davvero! Non dovete far altro che ritornare a Mist attraverso la Mist Cave. Fatto? Fatto. Sparsi tra l’erba ci sono una manciata di Bomb Fragment di cui non importa nulla a nessuno (uno a nord-est dell’Inn e uno ad est del Weapon Shop oltre un passaggio segreto). Ciò che ci interessa è il Weapon Shop (comprate un Dancing Dagger e datelo a Palom), e quella che presumo sia la casa abbandonata di Rydia e di sua madre, riposino in pace. Sapete cosa dovete fare, no? Tanto dove sono adesso, non se ne fanno granché dei beni terreni.
Dritti nel camino per trovare un passaggio segreto, con tre forzieri sulla destra: Clothes, Ruby Ring, Gold Hairpin, (conservate quest’ultima per dopo) e continuate ancora sulla destra in un altro passaggio segreto, che vi porterà a trovare la potente Rod of Change. Oltre a dare un ottimo boost all’intellect, usata come Item in battaglia casterà Piggy, e sarà utilizzabile su tutti i nemici come una normale magia multi-target. Definitiva, se sapete dove usarla. Tornate a Baron, da bravi.

Per prima cosa, dirigetevi al Weapon Shop, e apritelo con la Baron Key. Nell’angolo sud-est c’è un passaggio segreto che vi porterà dietro i banconi, troverete 2000 gil e una Rage of Zeus. Meglio di niente. Comprate Twist Headband, Kenpo Gi e Silver Armlet, dateli a Yang. Porom non ha più un uso per arco e frecce, compratele una Healing Staff. Avete conservato quei Claw per Yang quando li avete rimossi? Equipaggiatelo con un Ice e un Thunder Claw. Farò prima a descrivere il mio party per bene:

1. Palom – LV 16 – Dancing Dagger – Wizard’s Hat – Gaia Gear – Silver Armlet
2. Cecil – LV 12 – Sword of Legend – Light Shield – Light Helm – Knight’s Armor – Gauntlets
3. Tellah – LV 22 – Rod of Change – Wizard’s Hat – Gaia Gear – Silver Armlet
4. Yang – LV 17 – Ice Claw – Thunder Claw – Twist Headband – Kenpo Gi – Silver Armlet
5. Porom – LV 16 – Healing Staff – Wizard’s Hat, Gaia Gear, Silver Armlet

Extra: svariati Ruby Ring, Fire Claw, Gold Hairpin, Dreamer/Lamia Harp.

Tellah è in posizione 3 per via della Rod of Change (Status Piggy, ricordate?). Usare la Gold Hairpin (+10 intellect) su Porom è una tentazione per via della difesa elevata, ma togliendo il Wizard’s Hat (+5 spirit, +5 intellect), perderete il bonus in Spirit (potenzia le magie bianche) e ne guadagnerete uno in Intellect (utile ai maghi neri) e Porom non se ne fa nulla. Peccato che Palom non l’abbia a disposizione, la spilla dorata è girls-only. Tenetevela stretta comunque, vi tornerà utile in seguito. L’oro sta meglio sul verde in ogni caso.
Uscite dal Weapon Shop, dirigetevi ad ovest della città. Troverete un’’ltra porta chiusa che potete aprire grazie alla Baron Key. Consiglio di salvare fuori, dopodiché entrate e, prima di usare quella scala, cercate a destra per un passaggio segreto. Troverete 1000 gil. Ora potete proseguire.

Capitolo 15 – Baigan and Eggs

Nuovo dungeon! Siete nella Old Waterway (B4).
Iniziamo come sempre dai nuovi nemici: Splasher e Death Shell sono simili ai mostri incontrati nella Underground Waterway, solo con più HP. Thunder è sufficiente per eliminarli senza sprecare troppi MP, in alternativa usate un attacco fisico di Yang (assumendo che siate equipaggiati come ho descritto). Electrofish assorbe Thunder ma è debole a Throw, e qui entra in gioco Palom. Usate il Dancing Dagger come item e non avrete problemi. Gigas Gator è ovviamente debole ad Ice, Flood Worm e Hydra a Thunder (Yang è sufficiente, non sprecate MP). Le Baron Guard castano magie fastidiose come Bio, ma sono deboli a Piggy, Rod of Change per incapacitarli e poi finiteli come preferite.
Due note sul nuovo equip che avete a disposizione: escludendo le Baron Guard, TUTTI i mostri dell’area sono resistenti a Piggy, non potrete divertirvi molto con la Rod of Change… per ora. Al contrario, usare il Dancing Dagger come item farà malissimo a chiunque, chi ha bisogno di quelle stupide magie?
Proseguite a sud attraverso il ponte e continuate a sud, finché non vi troverete in una zona con un blocco di roccia centrale e tre forzieri: Hi-Potion, Ether e Rage of Zeus. Recuperate il bottino, fate il giro e proseguite a nord attraverso il ponte (c’è un altro ponte sulla destra ma non vi porta al livello dell’acqua come sembrerebbe; ignoratelo). Continuate a nord e poi ad est per un altra serie di ponti che vi condurrà all’uscita.
Quest’area (B3) è piuttosto antipatica per via dei numerosi passaggi nascosti ma le ricompense sono interessanti, fate attenzione. La mappa qui sotto potrebbe darvi una mano mentre leggete la guida (in rosso evidenziato il percorso per prendere tutti i tesori):

Entrate in acqua e prendete il passaggio (invisibile) a sud; ce n’è un altro ad est, se vi incappate ignoratelo. Fatevi strada, vi ritroverete in una stanza con un’Hourglass. C’è un altro passaggio nascosto a sud, seguitelo per spuntare in un’altra stanza, stavolta contenente una Spider’s Silk. Restando sulla scala dove avete recuperato il forziere, dirigetevi a destra per trovare un altro passaggio segreto. Condurrà ad un’altra stanza (vuota), entrate in acqua e procedete ad est nell’ennesimo passaggio nascosto. Andate ad est finché non vi bloccate, poi diritto fino a sbucare nell’area centrale. Ad ovest, immediatamente sopra l’unica roccia, c’è una scorciatoia verso l’ingresso (quel passaggio che vi avevo detto di ignorare, vi sareste persi i tesori altrimenti. Se volete tornare indietro, sappiate che è lì). In mezzo all’area centrale c’è un forziere bene in vista con delle Hermes Shoes (tutta roba utile finora); dopo averlo preso cercate ad est un gruppo di rocce. Tra le due adiacenti al muro c’è l’ultimo passaggio segreto, imboccatelo e dirigetevi a nord verso l’uscita.

Old Waterway – B2 è molto meno complicato. Seguite il percorso a nord e un passo prima dell’uscita ci sarà un passaggio segreto sulla sinistra con tramite il quale potete recuperare un Ether.
Nell’ultima area del dungeon, Old Waterway – B1, troverete una stanza con un save point immediatamente sulla sinistra. Salvate ma evitate di sprecare Tent qui dentro. Trovate invece il passaggio segreto ad est in questa stessa stanza, condurrà ad un forziere con dentro l’Ancient Sword per Cecil. È meno potente di ciò che già avete, ma può infliggere Curse sul nemico (abbassa attacco e difesa). Non usatela, non vi servirà, ma si vende per parecchi gil.
Uscite di qui e continuate ad est e poi a Nord. Vi ritroverete al castello di Baron. Andando ad ovest e poi a sud troverete un’apertura; da qui potete tornare alla stanza di Cecil e riposare (per questo vi avevo detto di non sprecare Tent). Dovreste conoscere già quest’area, entrate nel First Floor – dove avete cominciato il gioco – e verrete interrotti da Baigan che vi dirà che Cid non si trova ed entrerà nel vostro party. Siete già in cinque, qualcosa puzza…

“Golbez’s wishes are Baron’s wishes. He granted a wonderful power to me. Observe!” – Baigan prima di trasformarsi in un ributtante mostro viola. Gran bel potere…

Boss: Baigan
HP: 4444
Left & Right Arm
HP: 444 ciascuno

Left Arm usa Hold, Right Arm casta Vampire (riduce progressivamente i vostri HP). Il corpo contrattaccherà con Reflect una volta subito un attacco magico. Naturalmente, vorrete sfruttare quel singolo attacco il più possibile, il che vuol dire single-target Blizzaga, Thundaga o Firaga con Tellah. Attenzione, Dancing Dagger non è un attacco magico vero e proprio, ma farà lo stesso contrattaccare Baigan con Reflect: fate in modo di non utilizzarlo finché Tellah non ha fatto il suo dovere. Dopodiché, dateci dentro di attacchi fisici e il già menzionato Dancing Dagger, curandovi quando serve. Per quanto riguarda le braccia, consiglio di eliminare Left Arm (è quello più vicino al party, tenete conto che è la sinistra di Baigan, non dello schermo), e di lasciare il Right Arm con un centinaio di HP ma di NON eliminarlo. Se entrambe le braccia vanno giù, ve le ritroverete in vita a pieni HP il turno dopo. Se però avete un personaggio in status Reflect (Baigan ve lo lancia addosso se usate il Dancing Dagger), sentitevi liberi di eliminare l’altro braccio e riflettervi addosso un’altra magia di terzo livello con Tellah, per accelerare il processo. Una volta eliminato Baigan, fate in fretta a togliere di mezzo il braccio rimasto, altrimenti esploderà danneggiando un vostro alleato in base agli HP che gli rimangono (per questo vi ho suggerito di danneggiarlo senza farlo fuori). Niente di difficile se tenete d’occhio i vostri HP e vi curate con Tellah/Porom all’occorrenza.

Fine Prima Parte

Parte Seconda