Continua l’appuntamento con le interviste tratte da Final Fantasy VIII Ultimania, libro pubblicato in Giappone 20 anni or sono. Questa volta a parlare è nientemeno che il maestro Nobuo Uematsu e, prevedibilmente, il tema centrale della chiacchierata verte intorno all’indimenticabile colonna sonora di FFVIII. Dopo aver speso qualche dettaglio sul lato tecnico insieme al sound editor Eiji Nakamura, Uematsu si sbottona sui suoi brani preferiti, sul tema dei Chocobo e, infine, svela che “Fithos Lusec Wecos Vinosec” altro non è che un anagramma. Scopriamone di più!

Un sound all’avanguardia

Nella realizzazione del suo secondo Final Fantasy per PlayStation, ci sono state delle evoluzioni sul fronte sonoro rispetto al gioco precedente?

Uematsu: Grazie al duro lavoro del programmatore del suono Minoru Akao, la qualità è migliorata, specialmente per ciò che concerne gli effetti sonori. Anche gli effetti sonori utilizzati per le sequenze dei filmati sono migliorati di dieci volte.

Nakamura: Per questo gioco abbiamo realizzato degli effetti sonori per le sequenze cinematografiche e altre parti in Dolby Digital (un formato audio tridimensionale), che la PlayStation è in grado di riprodurre in Dolby Sound. In questo modo, il giocatore può vivere un’esperienza quasi in 3D. Anche se si trova davanti agli altoparlanti, il suono viene riprodotto dai lati e da dietro in diversi modi, per creare il miglior ambiente sonoro possibile… Vorremo anche che i giocatori provassero ad indossare un paio di cuffie.

Passando alla musica, nell’ultimo gioco (FFVII, ndr) ha detto di percepire la musica riprodotta insieme alle sequenze filmate in una misura leggermente attenuata (nel senso di “in secondo piano”). Questa tendenza verrà ripresa in anche in FFVIII?

Uematsu: In pratica sì. Ho sentito diversi commenti ai tempi del settimo capitolo circa il fatto che le melodie erano più deboli rispetto ai titoli fino al VI, ma ci sono ancora dei momenti in cui mi chiedo se la melodia debba emergere maggiormente o rimanere più attenuata (quasi come supporto dei filmati, ndr), di conseguenza procedo per tentativi ed errori.

Inoltre, se l’intera produzione fosse stata un film, sarebbe andato bene che la musica passasse in secondo piano, ma fintanto che questo non è il caso penso che la musica debba essere presente in una certa misura.

Potrebbero esserci momenti in cui la musica risalta maggiormente in FFVIII rispetto che nel settimo capitolo. “Eyes on Me” ha rappresentato la prima volta che abbiamo utilizzato una registrazione dal vivo per la serie Final Fantasy.

Sulle singole canzoni

Volevo chiederle riguardo a dei particolari brani. Come da tradizione, questo gioco presenta un nuovo arrangiamento del tema dei Chocobo. Come intitolerebbe questa versione?

Uematsu: Potrebbe essere difficile da interpretare, ma io l’ho chiamata “Mods de Chocobo”…
È l’abbreviazione di “Moderns”, (una subcultura) presente a Londra verso la fine degli anni ‘60. All’epoca era una specie di circolo di giovincelli alla moda. Quei “Mod” amavano ascoltare un certo tipo di musica, di conseguenza ho cercato di incorporare le immagini di questa musica nel brano, ma temo che non saranno in molti a cogliere questo riferimento (ride).

Tra le altre cose, avevo in programma di usare una canzone intitolata “Voice de Chocobo”, composta partendo dalla voce di una persona, ma continuavo a cambiarla e alla fine non ha funzionato. Ho realizzato varie canzoni, come “Ali Baba de Chocobo” e “Go Go de Chocobo”, ma le sto conservando per un secondo momento (ride).

Mr. Uematsu, quali sono i suoi brani preferiti in Final Fantasy VIII?

Uematsu: Pubblicamente dovrei dire “Eyes on Me”, ma ad essere sincero mi piace molto la musica del gioco di carte (ride). Quel tipo di musica è carino, visto che l’ho realizzata senza pensarci troppo e divertendomi.  Quando la ascolto, non provo alcun tipo di sentimento amaro o di tristezza. Se devo però parlare seriamente dei miei preferiti, devo scegliere il tema finale. Dopo i titoli di coda e i credits, c’è uno spazio di circa 8 battute musicali, durante la scena in cui Squall e Rinoa si guardano a vicenda. Quello è il mio punto preferito del gioco. Il suono e le immagini si abbinano così bene!

Normalmente, quando realizzo musica per le scene in FMV, aggiungo semplicemente l’audio al video. Tuttavia, in quel caso c’era una melodia che volevo fortemente includere in quella scena. Quindi, una volta composta la musica, ho chiesto di inserire queste 8 battute in quella sequenza… Quella parte è l’unica che è stata realizzata proprio come volevo io.

In questa occasione ho intervistato numerosi membri dello staff, e ci sono numerose persone che desiderano vedere il finale più di ogni altra cosa. 

Uematsu: Deve essere visto, assolutamente.

Mi sono emozionato quando ho sentito il “Prelude” della serie classica durante i titoli di coda.

Uematsu: Come avrai certamente notato, quella traccia non appare nel gioco per tutto il tempo (ride).

Non calza proprio a pennello messa lì? (Ride)

Inoltre, nel tema del boss finale si può sentire l’introduzione alle battle theme dei titoli fino al VI, non è così?

Uematsu: Ho pensato fosse carino reintrodurre quel vecchio “da da da”, “da da da da” ancora una volta.  Onestamente parlando, ho avuto qualche problema nell’inventarmi qualcosa (ride).

Ho usato un coro per il tema di Sephiroth in FFVII, quindi non potevo fare la stessa cosa per due volte di fila. Un’altra cosa riguardo all’introduzione al tema del boss finale: quando ho piazzato gli altoparlanti in modo che con me formassero un triangolo al momento di ascoltarla, sembrava che la musica provenisse dall’esterno e rapidamente procedessero verso il centro in senso orario. Mi dava l’impressione di una strana voce che parlava alle mie spalle, e di diverse religioni unite insieme in un grande miscuglio.  Non credi che evochi un qualcosa di sinuoso, serpeggiante?

A proposito di voci, anche il tema di Edea ha un coro. Di quale lingua si tratta?

Uematsu: È una lingua inventata. Avevo programmato di chiarirlo da qualche parte ma quel “FITHOS LUSEC WECOS VINOSEC” è un anagramma. Se allinei le lettere con attenzione…  Penso che non lo sappia nemmeno lo staff di sviluppo. Non l’ho detto a nessuno (ride),

Che significa?

Uematsu: Rimarrà un segreto. Si tratta di parole meravigliose.

“Liberi Fatali” – testo

Latino

Fithos Lusec Wecos Vinosec
Fithos Lusec Wecos Vinosec
Fithos Lusec Wecos Vinosec

Excitate vos e somno, liberi mei
Cunae sunt non
Excitate vos e somno, liberi fatali
Somnus est non

Surgite
Invenite

Veni hortum veritatis
Horti verna veritatis

Ardente veritate
Urite mala mundi
Ardente veritate
Incendite tenebras mundi

Valete liberi
Diebus fatalibus

Fithos lusec wecos vinosec
Fithos lusec wecos vinosec
Fithos lusec wecos vinosec
Fithos lusec wecos vinosec

Traduzione italiana

Fithos Lusec Wecos Vinosec
Fithos Lusec Wecos Vinosec
Fithos Lusec Wecos Vinosec

Destatevi dal sonno, figli miei
La culla non c’è più
Destatevi dal sonno, figli prescelti
Il sonno non c’è più

Alzatevi
Cercate

Giungete al giardino della verità
Primavera del giardino della verità

Con l’ardente verità
Bruciate i mali del mondo
Con l’ardente verità
Illuminate le tenebre del mondo

Siate forti, figli
Durante i giorni prescelti

Fithos lusec wecos vinosec
Fithos lusec wecos vinosec
Fithos lusec wecos vinosec
Fithos lusec wecos vinosec

Come molti sapranno, “Succession of Witches” e “Love” sono le parole nascoste nella frase in pseudo-latino. Si tratta dei due temi fondamentali di Final Fantasy VIII.

“Liberi Fatali”, titolo del brano, significa pressappoco “figli prescelti”, riferimento ai giovani protagonisti del gioco. Diciamo pressappoco in quanto l’aggettivo latino “fatalis” al nominativo plurale diventerebbe “fatales”, non “fatali”.