Categorie

In difesa dei turni
 
Condividi:

In difesa dei turni  

 

Andrewhelming
(@andrewhelming)
Moderator
Iscritto: 10 mesi fa
Post: 6
25/08/2019 2:08 pm  
wpf-cross-image

Era inevitabile. Sin dal suo annuncio, è stato subito chiaro che Final Fantasy VII Remake sarebbe diventato uno degli argomenti di discussione più ricorrenti su Internet, e l'E3 e la Gamescom di quest'anno non hanno fatto altro che dare ulteriore materiale e spunti per le chiacchiere intorno al tanto atteso ritorno di Cloud, Sephiroth, Aerith e compagni.

In questo proliferare di articoli, post, vlog e video, i combattimenti a turni spesso vengono definiti come un male che era necessario estirpare affinché il gioco fosse accessibile e godibile ai più. Il problema non è il nuovo sistema di combattimento, più action, implementato nel remake di FFVII. Il punto è che i turni sono uno dei tratti distintivi della serie, come i chocobo, un'eredità da cui è difficile separarsi.

Perché, allora, dovremmo ritenere i turni un difetto?

I titoli di successo che si basano su questa meccanica non mancano. Bravely Default, Octopath Traveler, Persona e Pokémon sono tutti titoli che hanno goduto dei consensi di pubblico e critica. Hearthstone e altri giochi di carte, che tutto sommato si basano sempre sui turni, sono decisamente popolari.

Forse, il problema sono i menù in cui navigare o il fatto che i combattimenti a turni possano sembrare limitati, rigidi, a tratti irrealistici o poco coinvolgenti. In realtà, si tratta solo di un approccio più riflessivo, o strategico, e che sacrifica l'azione in favore di una maggiore immersione e di una narrazione più approfondita senza per forza mancare di epicità o di coinvolgimento.

È questo approccio più "lento" che rende possibile scegliere dal proprio repertorio l'abilità o la magia più adatta alla situazione, come un incantesimo di basso livello per eliminare i nemici degli incontri casuali senza consumare troppi MP o abilità devastanti da usare contro i boss più potenti. Più la lista di skill del menù si allunga, più ci sentiamo potenti e forti, soddisfatti dei progressi fatti dai nostri eroi. Per tutto questo, però, serve tempo.

La ricchezza dei combattimenti a turni consiste in questo: nel lasciare che il giocatore si prenda il suo tempo.

Tempo per decidere le mosse migliori, per godere del tema musicale di sottofondo senza rischiare di distrarci e prendere qualche colpo di troppo, tempo per apprezzare animazioni ed effetti grafici nella loro interezza. Al tempo stesso, quelle animazioni e quei temi musicali non sono solo decorativi, ma raccontano una storia, approfondiscono e mostrano la personalità dei vari eroi, accentuano il dramma del momento o smorzano la tensione.

È sufficiente vedere Rinoa o Aerith esultare alla fine di ogni battaglia per capire che non sono due guerriere esperte come Squall e Cloud. Le animazioni degli eoni chiamati in campo da Yuna raccontano del rapporto dell’invocatrice con ciascuna delle sue summon e così via.

Superficiale? Forse, ma è la prova che i turni non sono un limite ma una risorsa.

La possibilità di controllare simultaneamente ciascun membro del party fa sì che tutti siano davvero protagonisti. Diventa più facile affezionarsi a questo o a quel personaggio e riconoscere il suo contributo in battaglia: nessun colpo di grazia o cura provvidenziale passa inosservata. Tutti sono eroi.

Certo, la tecnologia ha compiuto passi da gigante e oggi gli sviluppatori possono realizzare cose impensabili fino a qualche anno fa, ciò nonostante i combattimenti a turni non sono solo una necessità del passato, un pezzo di storia dei videogame. Sono lo scheletro dei J-RPG e non è un caso che anche Final Fantasy VII Remake abbia conservato qualcosa di questa eredità: quella possibilità di fermare l'azione di gioco per selezionare in maniera più "tradizionale" le abilità e magie rese disponibili dal Materia System.

Per un J-RPG è impossibile sbarazzarsi totalmente di questa impostazione e infatti tanti titoli di successo hanno riconosciuto questa eredità per espanderla ed evolverla. Questo approccio era appartenuto anche Square Enix, che capitolo dopo capitolo aveva saputo costruire sui turni sistemi di combattimento molto diversi e sofisticati.

Basta riprendere in mano Final Fantasy X, Final Fantasy XII e Final Fantasy XIII per capire rendersi conto della flessibilità di questo sistema di combattimento. FFX, FFXII e FFXIII danno sensazioni di gioco diverse, i loro Conditional Turn-Based BattleActive Dimension Battle e Command Synergy Battle sono sistemi di combattimento che rielaborano i tanto odiati turni offrendo capitolo dopo capitolo esperienze di gioco diverse dalle precedenti.

Anche in capitoli più datati, come Final Fantasy IX o IV, i turni e la possibilità di scegliere di volta in volta le azioni di tutti i componenti del nostro manipolo di eroi consentivano di creare combinazioni e sinergie impensabili in un gioco puramente action. Parom e Polom insieme potevano lanciare incantesimi molto più forti, la presenza di Vivi e Steiner nello stesso party consentiva a quest'ultimo di utilizzare abilità altrimenti inaccessibili. Scegliere chi schierare contro il prossimo boss imparando a sfruttare le peculiarità di ogni personaggio è un aspetto che rende i GDR profondi e appassionanti quanto un qualsiasi altro action-RPG.

Insomma, un conto è preferire un approccio più action, un altro è liquidare senza troppe cerimonie qualcosa che ha contribuito a rendere indimenticabili e iconici i personaggi e gli universi di Final Fantasy e di qualsiasi altro J-GDR.

Così torno a chiedermi "ma perché?" E  mi sembra di tornare indietro nel tempo. Al 1999, quando io, Squall, Zell e Selphie eravamo alle prese con una doppia corsa contro il tempo. Da una parte i 30 minuti entro i quali i cadetti SeeD dovevano ritornare sulla spiaggia di Dollet, dall’altra i 5 minuti concessi da mio padre, sul divano come Jabba the Hutt, per salvare i miei progressi di gioco e liberare la televisione. E poi c’era X-ATM092, che non ne voleva sapere di cedere il passo e lasciarmi completare la mia, doppia, missione. Mio padre non capiva perché non continuassi a menare fendenti o a sparare col gunblade di Squall, come sarebbe stato possibile fare in Castlevania o in Tomb Raider.

E di colpo l'illuminazione. Non sono i turni a essere limitanti. Siamo noi.


Quota
Hiei
 Hiei
(@hiei)
Moderator
Iscritto: 12 mesi fa
Post: 42
26/08/2019 3:42 am  

Clap clap

 

Infatti sto venendo da un re-play di FF X. A parte i maledetti tempi di caricamento degli scontri casuali (dovuti ovviamente alle limitazioni tecniche di non poter infilare i nemici visibili sulla mappa), devo proprio dire di come il sistema di combattimento sia invecchiato molto poco. Ho pure visionato il video del making of di ff xii che hai postato sul sito qualche mese fa, con tutte le difficoltà di evolvere il combat system attraverso i gambit e le difficoltà di calibrarlo. Ma quello era il 2011, ora siamo nel 2019 e le capacità di attenzione sono calate di parecchio, quindi la vera sfida è quella di accellerare e rendere i turni ancora più stimolanti. 

Quindi io dico di aspettare di avere questo benedetto remake di ff vii tra le mani: vediamo che esce fuori. 

 


Like (Zell)
RispostaQuota
Damiano
 Damiano
(@Damiano)
Ospite
Iscritto: 2 mesi fa
Post: 1
26/08/2019 10:23 am  

Il piacere di leggere un post così ben realizzato e pienamente condivisibile è qualcosa di veramente bello, sono anni che sostengo le stesse tesi e dico che stiamo rinunciando a fermarci e ragionare un po' in tutti o giochi a favore di un azione sempre più sfrenata, lungi da me dire che un azione sfrenata non debba esistere nei giochi ma credo che debbano esistere giochi pensati e sviluppati per questa e al contempo giochi più strategici e riflessivi, in tal senso è compito di tutti noi vecchi "Gamer" insegnare alle generazioni future il piacere dello studiare una strategia, del risolvere un enigma, anche a patto di sacrificare l immediatezza del gioco ma per godersi il piacere di risolvere l equazione davanti a noi!


Like (Zell)
RispostaQuota
Daniele Mainardi
 Daniele Mainardi
(@Daniele Mainardi)
Ospite
Iscritto: 2 mesi fa
Post: 1
27/08/2019 12:24 am  

Finalmente è uscito l'articolo che aspettavo da anni, la grande verità senza più veli davanti, i turni non sono un male, sono un tratto distintivo della serie, e non solo, dei jrpg più in generale, tutte le persone di senno lo pensavano ma avevano paura di dirlo. Giuro vorrei conoscere chi ha scritto l'articolo e offrirgli una cena


RispostaQuota
Alessandro
 Alessandro
(@Alessandro)
Ospite
Iscritto: 2 mesi fa
Post: 1
27/08/2019 11:35 am  

Complimenti per l'articolo, anche se non sono del tutto d'accordo. Io penso che i turni aiutino a rendere più tattico il gioco, ma credo che la soluzione migliore sia quella utilizzata in Final Fantasy XV, ovvero l'introduzione del "wait mode" che permette al giocatore di rallentare moltissimo il gioco (anzi di fermarlo quasi) per decidere cosa fare. questa secondo me è la soluzione corretta, perchè non obbliga a sostenere pause nel rtimo di gioco legate alla sequenza dei turni, permette a chi è più esperto di fare le scelte in tempo reale e di prendersi il tempo necessario per passaggi particolarmnete complessi oppure quando deve decidere tatticamente cosa fare. Io sono nato con i GDR a turni, ma in certi casi (penso soprattutto ai Dragon Quest) li ho trovati troppo invasivi perchè spezzano il ritmo del combattimento. Invece la possibilità di simularli o meno a mia discrezione come in FF XV secondo me è la soluzione migliore.


RispostaQuota
Luca NerdKing
 Luca NerdKing
(@Luca NerdKing)
Ospite
Iscritto: 2 mesi fa
Post: 1
27/08/2019 5:03 pm  

Ottimo articolo, davvero, e concordo con tutto.


RispostaQuota
Zell
 Zell
(@zell)
Admin
Iscritto: 3 anni fa
Post: 199
27/08/2019 5:24 pm  

Grazie a tutti per i commenti! Onore al nostro @andrewhelming! 😉 

Omnia Crystallis Admin


RispostaQuota
idroardo
(@idroardo)
SeeD cadetto
Iscritto: 12 mesi fa
Post: 34
05/09/2019 10:27 am  

Bellissimo articolo, letto con molto piacere e con gusto 🙂
Condivido il pensiero, il sistema a turni era in un certo senso appagante perchè ti obbligava a dover ragionare sul come combattere efficacemente. Mi rendo conto che con gli anni l'attenzione è calata un sacco e la voglia di "perdere tempo" non c'è. Avendo giocato tutti i FF dal IV in poi (anche di recente xD) devo dire che il sistema a turni continua ad essere il più efficace per la saga.

Personalmente adoro quello in FFX dove non hai la barra di caricamento ma devi scervellarti per capire come attaccare i mostri senza perdere turni in attacco. Già la soluzione di FFXII era particolare ma ci stava all'epoca anhe se non mi ha fatto impazzire all'epoca e tanto meno oggi. Il "wait mode" che adesso hanno introdotto è carino però a mio avviso va a perdere quel fascino da "combattimento a scacchiera" che tanto aveva caratterizzato la saga e che tanto mi piaceva.

Capisco che l'attenzione e la voglia di godersi un gioco a dovere non esiste più e i giochi ormai son come la musica che va di moda ora: un usa e getta. Però invece di adeguarsi a questi standard così bassi si dovrebbe "imporre" una qualità maggiore in modo da obbligare il giocatore a dover "perdere tempo" nei combattimenti e nel dover seguire attentamente lo sviluppo del gioco. Bisognerebbe fare come Kojima che se ne sbatte delle lamentele del pubblico, fa quello che ritiene più giusto e avvincente. Poi o ti piace o sei un buzzurro che non capisce nulla 😆 


RispostaQuota

Per favore, Login o Iscriviti