Categorie

Distant Worlds: Mus...
 
Condividi:

Distant Worlds: Music from Final Fantasy 2019 in Italia  

 

Sephiroth
(@sephiroth)
Moderator
Iscritto: 8 mesi fa
Post: 114
05/11/2018 2:59 pm  

Ciao a tutti!
Come alcuni di voi sapranno/avranno visto dal thread dei concerti/dal sito/o forse non lo sapranno, a marzo l'orchestra di Distant Worlds, composta da 100 elementi inclusi di coro, nonché unica ufficiale per quanto riguarda le musiche di Final Fantasy, suonerà in Italia per due concerti, uno a Milano e uno a Roma.

A Milano sabato 23 marzo al Teatro Linear 4 Ciak.
Info biglietti: Clicca qui!

A Roma domenica 24 marzo all'Auditorium Parco della Musica, Sala Santa Cecilia.
Info biglietti: Clicca qui!
Partecipanti:
- Sephiroth
- Esther, sorella di Sephiroth (non glielo dite, è un regalo di Natale!)

Per avere un'idea chiara della situazione biglietti, scegliete l'opzione "Acquista tramite scelta in pianta" dalla pagina di Ticketone linkata, così da vedere tutta la mappa della sala concerti con i posti liberi e relativi costi.

Si tratta di eventi abbastanza importanti per gli appassionati e che, per occasioni speciali, ha visto anche la partecipazione del maestro Nobuo Uematsu in persona, anche se sarà molto difficile vederlo presenziare dopo il ritiro annunciato per motivi di salute qualche settimana fa. 

Oltre ad essere una perfetta occasione per viaggiare nel tempo, sarebbe bello che noi Balambiani presenti ci incontrassimo per conoscerci e/o salutarci! 

A chi viene chiederei quindi di segnalare la propria presenza, e a chi è già stato al concerto di Milano dell'anno scorso di raccontare impressioni, sensazioni e opinioni... io ho visto solo qualche video (diretta Facebook di Zell!) e ho una voglia assurda di vedere questo concerto!

Se ci sono invece degli indecisi... che si decidano! 😤 

Io, come detto, sarò alla data di Roma, in prima galleria. 🤓 

'Cuz Balamb Will Never Die.
But you will.


Quota
Zell
 Zell
(@zell)
Admin
Iscritto: 3 anni fa
Post: 182
05/11/2018 3:32 pm  

Io a 'sto giro salto, ma invito chi non ci è mai stato ad andare a sentirlo!

Quando sarà il momento, postate dei video. 🌼 

Omnia Crystallis Admin


RispostaQuota
Chocozell
(@chocozell)
SeeD cadetto
Iscritto: 8 mesi fa
Post: 38
05/11/2018 6:01 pm  

Ormai sono stato ad un bel po' di Distant Worlds. Posso dirvi con certezza che se non c'è Nobuo Uematsu sul palco che di tanto in tanto sale e fa il ....lo scemo, il concerto è meno spettacolare XD

Comunque io sono andato sempre all'estero. Ci farò un pensiero, ma vorrei di gran lunga un concerto degli Earthbound Papas(dovevo (ri)andare questo Dicembre, ma poi si è sentito male il Nobuo D: )


RispostaQuota
Sephiroth
(@sephiroth)
Moderator
Iscritto: 8 mesi fa
Post: 114
25/03/2019 12:47 am  

Appena tornato dal concerto Distant Worlds a Roma! Sono esaltatissimo, è stato veramente bello oltre ogni aspettativa!

Non immaginavo che tipo di impatto avrebbe avuto su di me, ero contento di andare ma insomma, coi ricordi non sai mai quanto osare, e poi... è cominciato.

Per i primi 4-5 pezzi ho avuto un unico, lunghissimo brivido che non passava mai! E più mi stupivo del brivido che non passavo, più ero felicissimo di quanto stava succedendo! Il Prelude con l'arpa, Liberi Fatali, un Victory Fanfare che tara il buonumore, i Theme di Terra, Kefka, Celes, Locke e Aeris... riporta un po' sulla terra Don't Be Afraid, la musica dei "combattimenti normali" di Final Fantasy VIII, che per la verità è aperta in maniera divertente, con un video di gioco in cui Squall, Zell e Seifer all'esame SeeD vanno verso la torre di Dollet, con quindi tutto il sonoro regolare, il cane che abbaia, i passi... quindi si incappa nell'incontro casuale e l'orchestra parte a suonare! Ma la versione è un po' più lenta quando il ricordo la esige più veloce, quindi i brividini perlomeno rallentano un po'...

C'è tempo per una bella Theme of Love da FFIV, una nuova che non conoscevo, una ammaliante Cosmo Canyon e si va alla fine del primo set con un medley dei temi dei Chocobo.

L'apertura del secondo set è iconica, con Opening: Bombing Mission, poi qualche altro pezzo nuovo e una carrellata finale non per cuori deboli: se Fisherman's Horizon è l'apripista, You're Not Alone è senz'altro uno dei migliori arrangiamenti della serata (peccato che sia stato l'unico estratto da FFIX) assieme a To Zanarkand, e poi un medley di temi di battaglie fra cui mi sembra di aver riconosciuto Clash on the Big Bridge, Fight with Seymour, Jenova Synthesis e Fighting da Final Fantasy VII. Quindi l'emozionantissimo Main Theme di Final Fantasy, con i titoli di coda che scorrono. 

Ma Arnie Roth torna fuori per l'ultimo, imponente highlight della serata, che non poteva che essere One-Winged Angel: colossale, veramente il pezzo che più si addice a una formazione del genere con orchestra e coro, e che ne sfrutta appieno il potenziale.

Che dire? Sono ancora elettrizzato e sono pure tornato in compagnia di un simpatico Tomberry che non ho proprio resistito a prendere (peraltro è pure fatto molto bene!). Se ci dovesse essere un altro evento di Distant Worlds in futuro, andrei senz'altro a vederlo: stasera ho capito che con i ricordi non si scherza, che alcuni sono molto importanti e quelli di Final Fantasy per me significano davvero molto. 

C'è stato un ottimo ausilio di proiezioni video: ogni brano veniva "introdotto"  dalla grafica titolata del Final Fantasy di appartenenza e poi supportato da immagini di gioco, ma Arnie Roth si preoccupava comunque di presentare ogni singolo brano, intervallandolo con qualche commento simpatico. Le esecuzioni non sono state perfette, probabilmente il problema di questo format in cui si "noleggiano" orchestre locali per suonare è che si ha poco tempo per provare tutti insieme, ma francamente questa sera la pulizia delle esecuzioni era l'ultimissima cosa da notare. C'era un bellissimo clima di festa e ritrovo, della serie che in un mondo ideale se un Raduno Balambiano avremmo raggiunto livelli di emotività veramente vertiginosi. 

Ma io li ho raggiunti lo stesso stasera: per questo non volevo perdere tempo e scrivere subito qui qualche riga. Nonostante io sia certo che queste sensazioni mi resteranno addosso per un bel po', questa sera deve essere incastonata in questo posto, dove ho davvero vissuto Final Fantasy!

Spero che alla fine Arcanum abbia potuto esserci, perché ne valeva davvero la pena!

Grazie a tutti Final Fantasiani, spero di beccare qualcuno di voi al prossimo Distant Worlds!

Il post è stato modificato 3 mesi fa 2 volte da Sephiroth

'Cuz Balamb Will Never Die.
But you will.


Like (Zell)
RispostaQuota
Zell
 Zell
(@zell)
Admin
Iscritto: 3 anni fa
Post: 182
28/03/2019 9:53 pm  

Io andai al concerto del 2017 a Milano e mi sarebbe piaciuto rivivere l'esperienza, ma a Roma. Buona parte dei motivi per cui non ho acquistato il biglietto quest'anno sono spiegati bene in quest'articolo: https://www.badgames.it/2019/03/26/distant-worlds-music-from-final-fantasy-e-il-momento-di-cambiare-registro-e-formula/.
In particolare: il Teatro Ciak non è bello né comodo né acusticamente adatto a un evento del genere; il concerto è un po' troppo sbilanciato su FFVII, quando anche altre OST hanno pezzi stupendi...

Il post è stato modificato 3 mesi fa 2 volte da Zell

Omnia Crystallis Admin


RispostaQuota
Sephiroth
(@sephiroth)
Moderator
Iscritto: 8 mesi fa
Post: 114
29/03/2019 11:22 pm  

Interessante lettura, dove colgo il cuore pulsante di fan di vecchia data "come ai nostri tempi" e non può che farmi piacere...

Molti punti sono condivisibili: in primis i prezzi erano veramente troppo alti, non vedo molta gente andare a pagare 100+ euro in platea per UN solo biglietto, e infatti a Roma nell'Auditorium le due ali laterali della platea erano semivuote, e soltanto poco prima dell'inizio del concerto degli addetti hanno fatto accomodare dabbasso gli occupanti di una sfigatissima seconda galleria che si trovava lateralmente al palco dove suonavano i musicisti...

Anche la qualità dell'orchestra ha lasciato a desiderare, ma come scrivevo sopra, ci sono passato serenamente sopra perché quella sera "il punto era un altro". Nulla toglie però che per quei prezzi richiedere qualcosa di più sia più che legittimo - quasi sacrosanto. 

Per quanto riguarda la scaletta, concordo, con un asterisco. Nel senso che è vero che Final Fantasy ha molti più pezzi da novanta, e proprio nel post sopra dicevo come avrei apprezzato qualcosa in più da FFIX, come l'autore dell'articolo. Però la storia delle scalette dei concerti è sempre quella... sarebbe impossibile accontentare tutti, c'è sempre qualcuno che si lamenta di qualcosa. Per quanto mi riguarda, sono stato soddisfatto anche dei cosiddetti "filler", come possono essere visti il medley dei temi Chocobosi o Fisherman's Horizon. Francamente, per me tutte queste musiche sono un gran viaggio nella memoria e sarei stato felice qualsiasi cosa avessero suonato da quei vecchi Final Fantasy... 

D'altra parte è pure vero che Distant Worlds ormai ha 4 album all'attivo e sono andato a rivedermi vecchie scalette: i pezzi che suonano sono più o meno sempre gli stessi. Una rinnovata ci starebbe, ma chissà, forse non è così facile organizzare cose del genere ogni volta con orchestre diverse.

Un ultimo appunto sulla location: la Sala Santa Cecilia dell'Auditorium Parco della Musica di Roma è molto bella e aveva un'acustica perfetta (del resto ci tengono abitualmente concerti di musica classica). Ma per quanto riguarda i costi, sono stato sorpresissimo che il concerto si sia tenuto lì. Per altre vie so infatti che per una serata in quella Sala l'Auditorium chiede la bellezza di 20.000 (20.000!) euro, non esattamente un noleggio pensato per guadagnarci tanto... Ora, magari da quando sapevo io i prezzi sono cambiati, ma resta comunque notoriamente il posto più "costoso" di Roma per fare spettacolo...

Comunque, inutile dire che in questi giorni ho consumato tutti e quattro i CD di Distant Worlds! 

Il post è stato modificato 3 mesi fa da Sephiroth

'Cuz Balamb Will Never Die.
But you will.


Like (Zell)
RispostaQuota
  
Caricamento...

Per favore, Login o Iscriviti