Categorie

Final Fantasy XIII-2 / Curiosità / Misteri irrisolti

I misteri irrisolti di cui si parla in questa pagina sono gli stessi esposti dalla guida Ultimania Omega di Final Fantasy XIII-2. Ovviamente questa e il resto delle pagine contenute nella sezione “Curiosità” sono ricche di spoiler per coloro che non hanno ancora terminato il gioco.

La Yeul dall’aura oscura

In generale, ciascuna delle rappresentazioni di Paddra Nsu-Yeul incontrate lungo l’avventura sono dalla parte di Serah e Noel. Ciononostante, nel vuoto oltre del Capitolo 5 Serah conosce una Yuel contraria alle alterazioni temporali. Appare avvolta da una nebbia oscura, segno del potere del Caos. Dal momento che questa Yuel si trasforma in Caius, potrebbe apparire come un trucco dello stesso Caius; tuttavia, la Yeul avvolta nella nebbia appare anche in altri luoghi.

     

Nel corso del monologo di Lightning al termine del Capitolo 5, vediamo una Yeul simile seduta all’interno della Culla di Orphan. Nel capitolo finale, ad Academya (500 DD), la voce che incita Noel e Serah a tornare indietro è proprio quella della Yuel “oscura”. Si tratta della stessa Yeul che appare negli episodi DLC di Snow e Lightning. Infine, la Yeul avvolta nella nebbia compare in alcuni eventi “Live” dopo la conclusione del gioco, ad esempio nelle Rovine di Bersah (5 DD): in questo caso, dopo aver battuto Atlante e aver assistito al “Live” sull’origine dei paradossi, il giocatore può scegliere di “ascoltare la voce proveniente dal cuore”.

La Yeul oscura appare solo nel vuoto oltre, nell’Arena e a Valhalla, nonché nella Culla di Orphan (nel monologo di Lightning cui si è accennato). Si tratta di luoghi al di fuori del regno dei mortali. Dunque è possibile che questa Yeul non possa manifestarsi all’interno del mondo reale e ciò spiegherebbe il motivo per cui Serah e Noel sono in grado di sentirne solamente la voce in Academya (500 DD).

La cristallizzazione di Lightning

Dopo la morte di Serah, lo spirito della ragazza raggiunge Valhalla ed è ostaggio degli spiriti di Yeul. Lightning chiede a Yeul di lasciare Serah, ma questa si rifiuta di farlo, affermando che in ogni caso tutti loro svaniranno nel Caos. Caius e Lightning iniziano quindi a combattere; dopo la sconfitta di Caius, Yeul dice a Lightning che il motivo per cui Serah è morta è l’averla spinta a viaggiare nel tempo. Lightning è in procinto di abbandonare ogni speranza, quando incontra lo spirito di Serah in un abisso di luce. Serah spiega alla sorella di essere stata assolutamente consapevole di ciò che le sarebbe successo e le assicura di non avere alcun rimpianto riguardo alla scelta intrapresa. L’unica cosa che desidera è che Lightning si ricordi sempre di lei e che un giorno loro possano ricongiungersi.

Dopo aver ripreso i sensi nel tempio di Etro, Lightning ripone nuove speranze nel futuro. Una volta salita sul trono della dea, decide di trasformarsi in un cristallo indistruttibile, in modo da preservare l’esistenza del mondo congiuntamente al ricordo di Serah, nonostante il Caos e la distruzione del mondo (in altre parole, al fine di mantenere viva la speranza in un futuro migliore).
Daisuke Watanabe spiega: «Il trono di Etro che compare ne “Il vuoto oltre” rimane vacante per gran parte dell’avventura, a dimostrazione del potere calante dell’entità. Tuttavia, alla fine viene occupato da Lightning, a simbolizzare come l’essenza del mondo la consideri la rappresentazione della volontà divina. Lightning vuole preservare la speranza, quindi entra nella stasi di cristallo per proteggere la volontà di sua sorella Serah, che si è sacrificata».
Il fatto che Lightning sia considerata la rappresentazione della volontà divina emerge anche da un Frammento del vuoto oltre, ovvero uno dei cosiddetti “segreti di Yuel”: “Ora la dea riposa nel Caos. Quando entrerà a far parte del nulla perfeto, il genere umano e l’intero universo perderanno ogni sostegno. Il tempo reclama una nuova figura divina…”
In una scena segreta al termine dei titoli di cosa, Lightning si sveglia in un futuro lontano, all’interno di un mondo in rovina simile alla casa di Noel nel mondo morente.

L’ultima visione

Al termine del Capitolo 5, dopo il sogno di Noel, assistiamo ad una scena ambientata nel Mondo morente (700 DD) che ha per protagonisti Noel e Yuel, entrambi sorridenti. Vediamo la stessa immagine nella visione avuta da Serah nel filmato finale del gioco, ovvero nel momento della sua morte.

Il potere di vedere il futuro è, al tempo stesso, quello di poter osservare l’intero scorrere del tempo. Include quindi la possibilità di vedere futuri di epoche alterate, nonché il destino inevitabile. Cosa vede esattamente Serah nella sua ultima visione? Si tratta di un altro mistero irrisolto ma, secondo la guida ufficiale, se Serah è ottimista come Yeul, allora forse vi sono speranze di salvezza.

Caius, vivo o morto?

Il finale standard lascia intendere che Caius sia morto, ma nel finale segreto che si sblocca dopo aver ottenuto tutti i frammenti sembra che gli eventi dell’ultimo Capitolo non siano accaduti. Dal momento che a Valhalla lo scorrere del tempo è irregolare, è possibile che la scena segreta si collochi in un momento anteriore alla morte di Caius. Ciò che è certo è che non si tratta di due Caius diversi: quello che muore a Valhalla è lo stesso che appare nella scena segreta. In conclusione, nulla conferma con certezza che Caius sia morto.

Il Cuore del Caos, manifestazione della dea Etro

Inoltre, vediamo Caius utilizzare il potere del Caos. Dal momento che Caius era in grado di utilizzarlo solo grazie al Cuore del Caos nel proprio petto, si può ipotizzare che Etro non sia morta davvero.

Bhunivelze, il nuovo Cocoon

Dopo aver scoperto del destino di Cocoon, nel 10 DD Hope decide di utilizzare le risorse dell’Accademia per impedire il crollo del pianeta o per minimizzarne gli effetti, in modo da salvarne la popolazione. Dopo aver abbandonato il progetto del Protofal’Cie Adam, Hope giunge alla conclusione che serve creare un nuovo Cocoon alla quale viene dato il nome Bhunivelze. Caius, tuttavia, approfitta di questa idea e prevede di distruggere il nuovo Cocoon insieme al vecchio nel 500 DD, ovvero nel momento in cui il pianeta artificiale viene lanciato nel cielo. Ciononostante, a Nuova Bodhum, nel 700 DD, Lightning mette in guardia Serah e Noel riguardo al piano di Caius. Quando i due arrivano in Academya (500 DD), il pilastro che sorregge Cocoon inizia a sgretolarsi, ma il cristallo nel quale riposano Fang e Vanille viene rimosso in tempo da Sazh. Non appena Cocoon crolla, Bhunivelze sorge. Ciononostante, dal momento che Etro è stata uccisa, il Caos di Valhalla inizia a scorrere su Gran Pulse e finisce per consumare Bhunivelze.

Artwork di Bhunivelze in costruzione

La guida ufficiale spiega che il fatto che Bhunivelze abbia lo stesso nome del dio di cui si narra nella mitologia della Fabula Nova Crystallis ha un mero significato simbolico. Infatti, dopo che il confine tra il mondo reale e il mondo invisibile fu distrutto, il dio Bhunivelze si risvegliò: secondo le congetture della guida, l’ascesa della nuova Cocoon simboleggerebbe proprio questo.

     
Artwork raffiguranti la Culla di Orphan crollata sulle Rovine di Oerba e i resti di Eden nell’Altopiano di Archylte

Piccola curiosità: i terminali Spremicervello di Academya svelano che il materiale utilizzato per costruire la struttura esterna del nuovo Cocoon è carapace d’Adamanthart.